La May dice basta a chi andrà in Gb a cercare lavoro

  • Brexit

Dopo Brexit non si potrà arrivare in Gran Bretagna in cerca di lavoro. Resteranno invece benvenuti gli immigrati con specializzazioni e conoscenze utili per l'economia britannica. Lo ha scritto la premier britannica, Theresa May, su Facebook, nel giorno in cui il governo di Londra pubblica l'atteso Libro Bianco, il piano per le relazioni con l'Ue post-Brexit concordato con i ministri venerdì scorso a Chequers.     "Non accadrà più - scrive May - che la gente senza permesso arrivi qui da tutta Europa con la remota speranza di poter trovare un lavoro. Saranno sempre benvenuti invece i professionisti qualificati che aiutano il nostro Paese a prosperare, medici e infermieri, ingegneri e imprenditori, ma per la prima volta da decenni, avremo il pieno controllo delle nostre frontiere. E sarà il Regno Unito, non Bruxelles, che deciderà a chi sarà consentito vivere e lavorare qui".

Articoli Correlati

Brexit, per Londrac'è il rischio del visto

Senza accordo gli spostamenti fra Europa e gran Bretagna potrebbero complicarsi

Se non si trova l'accordorischio visto per andare in GB

Senza intesa tra Ue e Londra dal 30 marzo 2019 sarebbe necessario il visto

May: con Brexit addioai lavoretti a Londra

La premier britannica: «Dopo uscita da Ue porte aperte solo ai professionisti qualificati»