L'Arte Sartoriale sfila a Villa Miani

  • Villa Miani

ROMA “Arte sartoriale 2018”, la kermesse dell’abito su misura curata dall’Accademia Nazionale dei Sartori (costituita a Roma nel 1947, l'Accademia si riallaccia all'Università dei Sartori nata a Roma nel 1575 per volontà di Papa Gregorio XIII) è andata in scena a Villa Miani, la location neoclassica che domina Monte Mario. L'atmosfera retrò della villa umbertina a fare da la cornice all’appuntamento annuale dei maestri artigiani giunti da tutta Italia.

Filo conduttore dell’evento presentato da Valeria Oppenheimer il lusso e l’artigianalità del prodotto: dalla sartoria ai motori.  Prima dell’inizio della sfilata,  Rolls-Royce Motor Cars Roma ha presentato per la prima volta in Italia il primo Suv dotato di trazione integrale Rolls-Royce Cullinan.

La scelta di svelare la Cullinan in questa occasione nasce dalle caratteristiche tipiche che ispirano la creazione di un capo d’abbigliamento sartoriale. L’analisi e lo studio del materiale scelto, l’attenzione al particolare, il taglio del tessuto fino ad arrivare alla creazione di un pezzo unico.  Produzione “Tailor made” per soddisfare ogni desiderio del cliente, principio di ispirazione per Rolls-Royce. La Rolls-Royce Cullinan è Rolls-Royce come non si è mai vista prima. Quando Sir Henry Royce disse: "Cerca la perfezione in tutto ciò che fai. Prendi il meglio di ciò che esiste e rendilo ancora migliore. Quando non esiste, progettalo ", avrebbe potuto avere in mente Cullinan, vettura di lusso con prestazioni mai viste prima il mercato dei SUV. Presenti Sergio Solero, Presidente BMW Italia e Andrea Gucciardi, direttore generale Rolls – Royce Motor Cars Italia.

100 gli abiti presentati da “Arte Sartoriale 2018”, la proposta AUTUNNO/INVERNO e PRIMAVERA/ESTATE dei Maestri sarti dell’Accademia Nazionale dei Sartori.

Per la prima volta in passerella un detenuto con l’ abito sartoriale frutto del lavoro svolto durante il corso di taglio e cucito all’interno del progetto “Made in Rebibbia, accompagnano dal barone del rugby Andrea Lo Cicero in doppio petto giallo della Sartoria Ilario e da Daniele Piscioneri, figlio del Presidente dell’Accademia recentemente scomparso e al quale si deve la creazione dell’evento “Arte Sartoriale 2018” e l’iniziativa “Made in Rebibbia. Ricuciamolo insieme”, partita il 25 settembre 2017 grazie all’accordo tra l’Accademia Nazionale dei Sartori e l’Istituto penitenziario di Rebibbia.

Per l’UOMO torna lo spezzato: giacche a quadri dai colori sgargianti abbinate alle gradazioni del blu e del grigio.  Abiti dai colori pastello accesi e dal carattere brillante. Tessuti pregiati: dal cashmere al cotone, dai pettinati al vintage ricercato, dalla lana alla pura seta a righe con inconfondibile aspetto arricciato. Immancabile il doppiopetto.

Per la DONNA i colori moda sono vivaci, arancio, verde e fucsia, oltre al classico accostamento bianco - nero, tessuti impalpabili e pregiati. Presenti le novità degli abiti da sera, eleganti, impreziositi da ricami e applicazioni.

In passerella anche lo smoking, il classico tight, il frac per lui e l’abito da sposa per lei, creazioni esclusive realizzate dai Maestri sarti per un giorno speciale.

Un défilé speciale è stato riservato agli Accademici junior che hanno il merito di rinnovare e proseguire la tradizione dell’arte sartoriale, uno degli antichi mestieri che fanno brillare nel mondo l’eccellenza dell’artigianato italiano. Hanno sfilato, tra gli altri, anche gli elaborati degli allievi del corso triennale di cucito maschile. Presente per la prima volta una delegazione cinese di dieci sarti, selezionati dall’Accademia dei Sartori in Cina, che ha frequentato il corso di alta sartoria maschile a Roma e ha partecipa al concorso "Forbici d'Oro Cina", vinto da Bi Jinpei.

Una sezione del programma è stata riservata al Premio “Vita di Sarto”, conferito al Maestro Luigi Fant di Belluno, decano accademico della sartoria italiana che con passione tramanda e insegna l’arte sartoriale. Il Presidente onorario dell’Accademia Nazionale dei Sartori Mario Napolitano, prima del conferimento del Premio Forbici D’Oro ha formulato un augurio ai giovani che si affacciano alla sartoria: «speriamo che possano fare ancora di più di noi».

Il molisano Mario Iannetta ha ricevuto il Premio Forbici D'Oro Italia sezione junior mentre il campano Salvatore Montanino si è aggiudicato quello per la categoria senior.

L’organizzazione e l’allestimento sono stati a curati da Eleven Marketing e Entertainment.

 

METRO