«Il nostro dolce amaro Privé»

  • Musica/Roma

INTERVISTA. «Due figure abitano questo disco, una amara e l’altra dolce. La prima sfugge alla canzone, la seconda la insegue. Una diffida delle parole e l’altra si consegna alle parole stesse. Sembra che alcune canzoni si muovano sospettose, offendendo le altre che invece accolgono, consolano e scaldano». Queste le parole di Peppe Servillo per introdurre “Privé”, il nuovo disco degli Avion Travel. La band lo presenterà in un concerto in programma il 20 luglio alla Casa del Jazz.  

Come è nato il progetto “Privé”?
È nato tre anni fa ritrovandoci sul palco a suonare, ritrovando immediatamente con naturalezza, la complicità e l'intesa di sempre.

Come lo descriverebbe?
Come un disco con due anime, una inquieta e l’altra dolce che si interrogano e si completano a vicenda.

A cosa fa riferimento il “Privé” del titolo?
A una galleria di vicende private rese comuni dal linguaggio della canzone popolare, una possibilità di  condivisione poetica.

Quattro canzoni del disco sono state scritte da Fausto Mesolella (il chitarrista della band, scomparso nel marzo del 2017, ndr): cosa ha rappresentato per gli Avion Travel?
Fausto resta con noi da autore ed interprete in questo lavoro, abbiamo evitato di trasformare un evento doloroso in qualcosa di rituale e formale.

Che concerto state preparando per Roma?  
Proporremo integralmente il disco nuovo cercando di apparentare le canzoni recenti con     il repertorio di sempre.

STEFNAO MILIONI

Articoli Correlati

De Gregori: un liveche vuole stupire

Il cantautore nella cavea del Parco della Musica di Roma

“Wonderful” I Killers sul palco

arà un concerto dei Killers a inaugurare mercoledì alle 21,30 l'edizione 2018 di “Rock in Roma”.

Al Gianicolo il jazz è protagonista

La rassegna in programma a piazza Garibaldi fino a settembre