Strade 90 vittime in meno di 7 mesi

  • Roma

ROMA Gli ultimi due incidente stradali avvenuti nel fine settimana in meno di 12 ore accendono di nuovo i riflettori sulla sicurezza per chi guida a Roma. In mattinata un uomo di 83 anni è morto in ospedale, al Policlinico Umberto I, dopo essere stato investito sulle strisce in via dei Prati Fiscali. L’uomo che lo ha investito, un 45 enne, ha prestato i primi soccorsi, è stato poi ricoverato in stato di choc. Poco prima, in via di Torre Spaccata, un motociclista di 46 enni è morto dopo essersi scontrato con un’auto guidata da una 21 enne. Su entrambi gli incidenti indaga la polizia locale. Gli ultimi due episodi portano a 90 il numero delle vittime di incidenti stradali dall’inizio dell’anno in provincia di Roma, senza contare quelli che hanno provocato feriti o danni alle vetture.

Tra le possibili cause c’è anche lo stato della rete viaria della Capitale. È emblematico il caso di Elena Aubry, la ragazza morta a maggio sulla via Ostiense, forse a causa del manto stradale. La madre Graziella Viviano aveva lanciato giorni fa una campagna sui social in cui invitava i romani a evidenziare con vernice spray gialla o verde le buche più pericolose. Da allora le segnalazioni non si sono più fermate. E sabato pomeriggio su una buca è inciampata anche la sindaca Virginia Raggi mentre inaugurava la nuova pedonalizzazione in via del Corso.

Articoli Correlati

Sassi dal campo romper rapinare automobilisti

I quattro responsabili residenti presso il campo nomadi di Castel Romano

Contro i roghi tossicii blocchi dei vigili a La Barbuta

Il comandante Di Maggio: «Rischi non solo per la salute ma anche per la sicurezza degli aerei a Ciampino»

La rete illegale delle case Ater

Graduatorie truccate e assegnazioni pilotate, sei arresti