Napoli, Lazio e Roma "Tutti in ritiro" su Canale 21

  • Calcio

CALCIO Al via stasera su Canale 21 l’appuntamento fisso dell’estate con il rotocalco sportivo “Tutti in ritiro”. In onda ogni sera alle 21 (Lazio e Campania, canale 10 del dgt) fino al 31 luglio con notizie, indiscrezioni, trattative di mercato e collegamenti in diretta dal ritiro biancoceleste di Auronzo di Cadore con gli inviati Cinzia Santangeli e Valerio Cassetta e dal ritiro giallorosso di Trigoria con Dario Marchetti, Cristiano Abbonizio e Mauro Macedonio. Ogni sera dalle 23 spazio anche al ritiro del nuovo  Napoli di Carlo Ancelotti a Dimaro – Folgarida con l’inviato Massimo D’Alessandro.

In studio Titti Improta con  Pierluigi Pardo che nella prima settimana sarà in collegamento dalla Russia. Dopo la finale del Mondiale 2018, Pardo parteciperà attivamente al dibattito in studio con un parterre di ospiti qualificati tra i quali Sebino Nela, Roberto Rambaudi, Giuseppe Incocciati, Gianni Improta  ed altri  opinionisti, tecnici e giornalisti in collegamento da Napoli, Roma e Dimaro per seguire il calcio mercato.

Sul sito di Canale 21 (www.canale21.it)   sarà inoltre  possibile seguire la trasmissione e tutti gli eventi del Napoli a Dimaro - Folgarida  in diretta streaming. I tifosi potranno interagire da casa con i protagonisti in studio attraverso gli account ufficiali Facebook e Twitter di Canale 21  e il nuovissimo canale Instagram @canale21 dove verranno postati contenuti esclusivi dalla redazione e dai ritiri di Roma, Lazio e Frosinone.

 

Articoli Correlati

Lazio-Udinese 2-0L'Europa è di nuovo nel mirino

Nel recupero della 25esima giornata la squadra di Inzaghi supera i friulani e sale a quota 52 punti, a -3 dal quarto posto occupato dal Milan

Skriniar avverte l'Inter«Dzeko pericolo numero uno»

In vista del big match di sabato sera il difensore nerazzurro indicanel bosniaco l'uomo che può portare maggiori problemi alla retroguardia interista

Milan, caso Acerbiora indaga la Procura

Il Milan ha fatto sapere ieri con una nota che «intende cooperare con la Procura su quello che ormai è il "caso" Kessie-Bakajoko