Vaccini: «A scuola con l'autocertificazione»

  • Salute

ROMA Vaccini, si cambia ma non troppo: secondo quanto annunciato dal ministro della Salute Giulia Grillo,  per andare a scuola da 0 a 16 anni basterà un’autocertificazione dove si attesta che il bambino è in regola con le vaccinazioni richieste dalla legge. Dunque non sarà necessaria la certificazione della Asl. Salta anche la scadenza del 10 luglio, indicata ai genitori come termine ultimo per dotarsi dei documenti «lasciapassare». Si farà in tempo a portare l’autocertificazione entro l’inizio delle lezioni.

L'annuncio del ministro
«Tra qualche mese nascerà il mio primo figlio, ovviamente sarà mia premura farlo vaccinare, esattamente come il 96% degli italiani. Non sono una no vax, ma ci sono delle legittime preoccupazioni dei cittadini che devono avere risposte». L'annuncio della maternità è arrivato con la presentazione della frenata sull'obbligo di vaccinazione anticipata ieri.
Per i minori da 6 a 16 anni, quando non si tratta di prima iscrizione resta valida la documentazione già presentata l’anno precedente se il minore non deve effettuare nuove vaccinazioni o richiami. Da 0 a 6 anni e per la prima iscrizione può essere portata una dichiarazione sostitutiva. Le Asl successivamente faranno una verifica a campione per individuare chi non ha dichiarato la verità. E le conseguenze per l’alunno saranno identiche a quelle previste dalla legge attuale: non entrano i bambini di asilo e materne, entrano con sanzioni per i genitori quelli più grandi.

METRO

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.