Creati in Italia embrioni di rinoceronte in estinzione

  • clonazione

Un gruppo di ricercatori, coordinato da Cesare Galli, massimo esperto italiano in clonazione e uno degli scienziati che ha lavorato con il "papà" della pecora Dolly, Ian Wilmut, ha creato per la prima volta embrioni di rinoceronte bianco del Nord utilizzando ovociti e spermatozoi di una specie simile, il rinoceronte bianco del Sud. Gli ovociti sono stati fecondato anche con il seme congelato del rinoceronte del Nord, di cui oggi sono in vita solo due esemplari femmina.

Cremona. "Nel nostro laboratorio di Avantea, a Cremona, abbiamo portato a maturazione 30 ovociti prelevati da femmine di rinoceronte bianco del Sud: 17 sono stati fecondati con il seme di maschi della stessa specie, mentre altri 13 con il seme del rinoceronte bianco del Nord congelato", riferisce Galli, commentando il lavoro pubblicato sulla rivista Nature Communication. La tecnica utilizzata si chiama Icsi, iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi, e consiste nell'inserie gli spermatozoi direttamente nell'ovocita. "Alla fine dagli ovociti fecondati con il seme del rinoceronte del Sud siamo riusciti a ottenere 3 embrioni, mentre da quelli fecondati con il seme congelato del rinoceronte bianco del Nord ne siamo riusciti a ottenere 4". In totale 7 embrioni: alcuni sono stati congelati e nei prossimi mesi verranno impiantati in femmine di rinoceronte bianco del Sud, che faranno da mamme surrogate". 

Articoli Correlati

Clonati in Cinadue macachi

Funziona per la prima volta sulle scimmie il trasferimento nucleare di cellule somatiche