"Sui contratti a termine un grave ritorno al passato"

  • decreto dignità

Il decreto dignità approvato ieri sera dal governo "fa sorridere, inserire la dignità per decreto a me fa sorridere. Sembra un ritorno al passato". A dirlo, a margine del Forum dell'Economia Digitale, il presidente dei Giovani di Confindustria, Alessio Rossi, che non vede "nulla che possa aiutare le aziende a creare nuovi posti di lavoro". "Irrigidisce le procedure, aumenta il costo dei contratti a tempo determinato... Sinceramente vedere aumentare i costi dei contratti a tempo determinato senza diminuire quelli a tempo indeterminato peggiora la situazione per le aziende senza migliorarla per i lavoratori, quindi vantaggi non ne vedo", ha aggiunto. Rossi è invece d'accordo sulle misure contro la delocalizzazione. "I benefici degli investimenti fatti attraverso contributi pubblici devono restare nel nostro Paese. Il limite dei 5 anni - ha aggiunto - è quello massimo, oltre non vedrei ragionevolezza".

Confesercenti e Confcommercio. La Confesercenti rileva "con profonda insoddisfazione" l'inserimento nel decreto di "pesanti interventi sui contratti a termine". "Se da una parte - scrive in un comunicato - riteniamo condivisibile cercare di stabilizzare l'occupazione e dare le giuste garanzie ai lavoratori, dall'altra non possiamo accettare la penalizzazione delle imprese, che garantiscono il lavoro in primo luogo".    "Il contratto a tempo determinato - argomenta la Confesercenti - costa già più di quello a tempo indeterminato, con un contributo addizionale a carico del datore di lavoro pari all'1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Un ulteriore aumento degli oneri - il decreto legge prevede lo 0,5% in più dal secondo rinnovo - si trasforma in un aggravio stimabile in oltre 100 milioni di euro l'anno, di cui più della metà verrà sborsato già quest'anno, visto che scadranno il 55% dei contratti".  Critica anche Confcommercio: "In attesa dell'annunciata riduzione del costo del lavoro, tutta da verificare, il governo decide di fare una grave marcia indietro sui contratti a termine introducendo, di fatto, forme di inutile e dannosa rigidità". Se l'obiettivo "era quello di favorire la creazione di nuova occupazione, si va invece nella direzione opposta con l'aggravante di creare un periodo di incertezza e un ritorno del contenzioso".    "Le imprese del terziario e del turismo, le uniche che hanno creato nuova occupazione, anche durante le crisi - sottolinea la confederazione - avranno dunque un freno allo sviluppo e agli investimenti" dalle norme previste.

Articoli Correlati
decreto dignità

Dai contratti all'azzardoecco che cosa cambia

Il Senato ha dato l'ok definitivo al decreto dignità
decreto dignità

Articolo 18, anche il M5Svota contro il ripristino

Bocciato l'emendamento al Decreto dignità
decreto dignità

Di Maio: "La fiducia?Se c'è ostruzionismo..."

"Boeri? Problema di lealtà". Brunetta: "Il nostro atteggiamento è e sarà durissimo"