Per i ragazzi in grotta spunta ipotesi trivellazione

  • thailandia

THAILANDIA Per riportare alla luce i dodici ragazzi thailandesi e il loro allenatore dalla grotta dove sono prigionieri dallo scorso 23 giugno ora si sta pensando ad una trivellazione dall’alto. Intanto sono state smentite le voci sia di un recupero rinviato di mesi (in attesa del calo stagionale del livello dell’acqua) che quelle di un recupero immediato (si parlava persino di ieri sera) per la previsione preoccupante di nuove piogge in arrivo. Ma i ragazzi sono debilitati e non sanno nuotare, dunque non sono in grado di affrontare a breve immersioni defatiganti e km di grotta. Così si sta vagliando l’ipotesi risolutiva della trivellazione e gli elicotteri hanno sorvolato l’area per provare ad individuare il punto migliore. Nel frattempo è stata installata una linea telefonica, in modo da dare ai ragazzi la possibilità di parlare con i propri cari.

METRO

Articoli Correlati

«Combattevamo la famecon l’acqua piovana»

Escono dall'ospedale i ragazzini thailandesi salvati dalla grotta dove erano rimasti isolati per giorni

Sedati e imbragatidurante l’immersione

Primi particolari sulle operazioni di recupero dei 12 ragazzi e del loro allenatore dalla grotta in Thailandia

Il miracolo è compiutoSalvi tutti i "cinghialetti"

Portati in salvo tutti e 12 i ragazzini imprigionati in una grotta con l’allenatore per 18 giorni