A maggio più occupati anche nella fascia dei giovani

  • Lavoro

A maggio occupati in sensibile aumento (+0,5% rispetto ad aprile, pari a +114 mila) rispetto ad aprile. Il tasso di occupazione sale al 58,8% (+0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente). Lo rileva l'Istat.  Prosegue il calo della disoccupazione, che dopo i livelli massimi toccati a fine 2014 è tornata sui livelli della metà del 2012. Secondo le cifre dell'Istat, il tasso a maggio è sceso al 10,7% dall'11% di aprile.

Crescita. La crescita congiunturale dell'occupazione coinvolge uomini (+80 mila) e donne (+35 mila) e riguarda i 25-34enni (+31 mila) e, soprattutto, gli ultracinquantenni (+98 mila). Crescono nell'ultimo mese sia i dipendenti permanenti (+70 mila) sia quelli a termine (+62 mila), mentre, dopo l'aumento dei due mesi precedenti, registrano una lieve flessione gli indipendenti (-18 mila).    Su base annua si rafforza gli occupati sono saliti del 2,%, ossia sono 457 mila in più in un anno. L'espansione interessa uomini e donne e si concentra tra i lavoratori a termine (+434 mila), mentre restano sostanzialmente stabili i permanenti e sono in lieve ripresa gli indipendenti (+19 mila). Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+468 mila) e i 15-34enni (+106 mila) mentre calano gli occupati tra i 35 e i 49 anni (-116 mila).

Più giovani al lavoro. Cala la disoccupazione giovanile a maggio. Il tasso nei giovani tra i 15 e i 24 anni diminuisce di un punto percentuale, attestandosi al 31,9%: l'incidenza dei disoccupati sulla popolazione di questa classe di età è pari all'8,3% (-0,4 punti). 

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti