Accoltellato Bettarini jr Ventura: "Non è in pericolo di vita"

  • Milano

E' ricoverato all'ospedale Niguarda in prognosi riservata, anche se non  in pericolo di vita Niccolò Bettarini,  figlio 19enne di Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano Bettarini, accoltellato  all'alba all'uscita di una discoteca nel centro di Milano.    Bettarini era uscito alle 5 del mattino dall'Old Fashion, dopo una notte con gli amici nel locale della movida ambrosiana. Mentre raggiungeva l'auto, in viale Alemagna sarebbe intervenuto in soccorso di un amico coinvolto in una rissa ed e' stato colpito con numerose coltellate al tronco, all'addome, alle braccia e a una mano, in totale 9 stando alle prime informazioni. In tutto nove fendenti che per fortuna non hanno raggiunto organi vitali, anche se ha subito una lesione a un tendine. 

"Animali".  Gli aggressori erano piu' di uno e l'amico li ha descritti come "degli animali" per la loro brutalità, nel racconto fatto agli agenti della squadra mobile. Nick, come è soprannominato, era cosciente quando e' stato soccorso e trasportato all'ospedale Niguarda, dove e' stato operato d'urgenza.

Simona Ventura. Simona Ventura ha dato per prima la notizia che il figlio era fuori pericolo, dopo aver ricevuto nella notte "la telefonata che nessuna mamma vorrebbe mai ricevere", come lei stessa l'ha definita. La 53enne ex conduttrice di X Factor e dell'Isola dei Famosi, separata dal 2008 dall'ex terzino di Fiorentina e Samp, Stefano Bettarini, ha anche postato il suo sollievo su Instagram: "Volevo rassicurare tutti: mio figlio Niccolò non è in pericolo di vita". Tantissimi i messaggi di solidarietà arrivati in poche ore. 

Articoli Correlati

Larghissime inteseper i Giochi lombardo-veneti

Da Fontana a Sala al M5S un coro di sì alla candidatura autonoma per le Olimpiadi invernali del 2026

Ipotesi all'Atm:il biglietto “breve”

Per bilanciare il prossimo rincaro, costerebbe meno di due euro e durerebbe meno di 90 minuti. Gratuità possibile per gli under 14

Raid vandalico a scuolaI bambini ripuliscono le aule

Scritte omofobe e svastiche nel centro che aiuta i ragazzi migranti