Tramedautore diventa maggiorenne

  • Milano/Festival

MILANO Uno sguardo lucido sulla contemporaneità attraverso diversi linguaggi. Così in dieci giorni, dal 14 al 23 settembre, Tramedautore, il festival delle drammaturgie contemporanee che quest’anno raggiunge la sua maggiore età, diciotto edizioni di fila, punta ad esplorare al Teatro Grassi e al suo Chiostro, le esperienze artistiche più vivaci della scena emergente non solo italiana, ma anche francese, tedesca e spagnola. 

Ideato e organizzato da Outis, Tramedautore s’inaugurerà, il 14 settembre, con la prima milanese de Il Nullafacente, paradosso sulla ricerca della felicità di Michele Santeramo,  diretto da Roberto Bacci.

Il 15 settembre toccherà invece al giovanissimo collettivo bologninicosta e al suo ST(r)AGE,  sull’instabilità lavorativa nel mondo dello spettacolo.

In prima nazionale arriverà il 18, l’attualissimo Hotel Palestine del tedesco Falk Richter,  nella traduzione di Sonia Antinori e con la regia di Salvino Raco. In scena si ricostruirà la conferenza stampa in cui due rappresentanti degli Stati Uniti si trovano a dover rispondere alle domande dei giornalisti che cercano di svelare le vere ragioni del conflitto tra Iraq e Stati Uniti per parlare di manipolazione dei media. 

Altra prima nazionale quella di All in degli spagnoli Atresbandes che chiuderà, il 23 settembre, il festival facendo riflettere sulla crisi esistenziale dell’uomo moderno e su quanto ciascuno possa essere veramente liberi nelle proprie scelte (Info: outis.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati
Milano/Festival

Un festival “trasversale” per tutte le serie tv

Da domani a domenica al Santeria Social Club il Festival delle Serie Tv tra incontri e anteprime tra cui “The Romanoffs” di Matthew Weine
Milano/Festival

Cappuccetto Rosso viene dal Senegal

Fallou Diop interpreta con Adama Gueye “Thioro” la versione senegalese della fiaba stasera all’ex Pini
Milano/Festival

Contaminafro 2018tra arte, note, cibi e danze

Per “Contaminafro 2018” da domani in Triennale il danzatore camerunense Lazare Ohandja