La carta di credito al posto del biglietto Atm

  • Milano

CITTA' Già oggi, nelle 113 stazioni della rete del metrò, 250 tornelli sono predisposti. Altri 250 seguiranno nei prossimi mesi. E, appena sarà estesa la rete 5G, il sistema sbarcherà sui mezzi di superficie. Quale sistema? Quello, modernissimo, che vede Milano all’avanguardia assoluta in Italia, e che permette di viaggiare sui mezzi non col biglietto, ma facendo “check in” e “check out” semplicemente “strisciando” la carta di credito contactless ai tornelli predisposti in metrò.

E questa nuova forma di ticketing, che è stata presentata dai vertici dell’Atm Luca Bianchi e Arrigo Giana, dall’assessore Granelli e dai rappresentanti di Visa e Mastercard Dario Steffanini e Michele Centemero, si arricchisce di una innovazione decisiva: il sistema “valuta” i viaggi del titolare della carta e gli applica la tariffa migliore: se, nella giornata, si fanno 5 viaggi in metrò, non vengono addebitati 5 biglietti da 1,5 euro, ma, dal 3° viaggio, un solo giornaliero da 4,5 euro. Non è richiesta registrazione. Il viaggio deve per forza cominciare in metrò, per ora. Nei 90’ di durata del viaggio, si può uscire dal metrò (“strisciando”, ancora) e prendere un autobus. Al controllore, nel caso, si esibisce la carta di credito. Registrandosi sul sito di Atm si possono vedere tutti i viaggi fatti.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati

Larghissime inteseper i Giochi lombardo-veneti

Da Fontana a Sala al M5S un coro di sì alla candidatura autonoma per le Olimpiadi invernali del 2026

Ipotesi all'Atm:il biglietto “breve”

Per bilanciare il prossimo rincaro, costerebbe meno di due euro e durerebbe meno di 90 minuti. Gratuità possibile per gli under 14

Raid vandalico a scuolaI bambini ripuliscono le aule

Scritte omofobe e svastiche nel centro che aiuta i ragazzi migranti