La carta di credito al posto del biglietto Atm

  • Milano

CITTA' Già oggi, nelle 113 stazioni della rete del metrò, 250 tornelli sono predisposti. Altri 250 seguiranno nei prossimi mesi. E, appena sarà estesa la rete 5G, il sistema sbarcherà sui mezzi di superficie. Quale sistema? Quello, modernissimo, che vede Milano all’avanguardia assoluta in Italia, e che permette di viaggiare sui mezzi non col biglietto, ma facendo “check in” e “check out” semplicemente “strisciando” la carta di credito contactless ai tornelli predisposti in metrò.

E questa nuova forma di ticketing, che è stata presentata dai vertici dell’Atm Luca Bianchi e Arrigo Giana, dall’assessore Granelli e dai rappresentanti di Visa e Mastercard Dario Steffanini e Michele Centemero, si arricchisce di una innovazione decisiva: il sistema “valuta” i viaggi del titolare della carta e gli applica la tariffa migliore: se, nella giornata, si fanno 5 viaggi in metrò, non vengono addebitati 5 biglietti da 1,5 euro, ma, dal 3° viaggio, un solo giornaliero da 4,5 euro. Non è richiesta registrazione. Il viaggio deve per forza cominciare in metrò, per ora. Nei 90’ di durata del viaggio, si può uscire dal metrò (“strisciando”, ancora) e prendere un autobus. Al controllore, nel caso, si esibisce la carta di credito. Registrandosi sul sito di Atm si possono vedere tutti i viaggi fatti.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati

"Anch’io sono stata una richiedente asilo"

La lezione della senatrice a vita davanti ai ragazzi alla Scala: «Non esistono le razze»

Le periferie blues di Folco Orselli

Il cantante lancia un progetto di integrazione. "Conosciamoci, per abbattere i pregiudizi che generano paura", dice. Con lui Il Terzo Segreto di Satira

Tassista-eroe fermato il pirata

È un operaio 26enne che quella notte guidava ubriaco. Quando è stato fermato, otto ore dopo l'incidente, non ha mostrato alcun cenno di pentimento