Il Milan a Commisso Li Yonghong accetta l'offerta

  • Calcio

CALCIO Il Milan sta per cambiare proprietà. Li Yonghong, infatti, stretto dall’out-out del tycoon italo-americano Rocco Commisso si sarebbe convinto a chiudere in fretta la trattativa e ad accettare l'offerta. Secondo quanto trapela, lo scenario più probabile è che Commisso, già propietario dei New York Cosmos, rilevi l’85% della società rossonera, lasciando a Li Yonghong il 15% del Milan (condizione che garantirebbe ai cinesi di rientrare dei soldi spesi). Fuori da tutto la famiglia Ricketts, propietaria dei Chicago Cubs, squadra di MLB (lega statunitense di baseball), che per prima aveva mostrato interesse per il Milan: 500 milioni di dollari per il 75% del club (prezzo iniziale) è sembrato troppo. Commisso, di corogini calabresi di Gioiosa Ionica, avrebbe messo sul tavolo 500 milioni per l’85% e chiesto a Li Yonghong una risposta immediata. prendere o lasciare, insomma. Commisso ha passato la giornata di ieri negli uffici di Goldman Sachs ed è già pronto a trasferire 32 milioni di euro al fondo Elliott come rimborso dell’ultima tranche dell’aumento di capitale versato dal fondo americano al posto di Yonghong.
Batosta in arrivo
In tutto questo scenario mobile, passa quasi del tutto in secondo piano la sentenza Uefa, attesa ad ore. Il Milan potrebbe essere stangato: si parla di una o due stagioni senza Coppe e trenta milioni di multa. ma, con un nuovo proprietario, sarebbe più facile anche il ricorso al Tas. 

Articoli Correlati

Dybala, 25 candeline"La Champions? Possiamo farcela"

Intervistato dal Mirror il calciatore argentino ha parlato della avventura europea, con l'arma-Ronaldo in più. Intanto la juve è tornata ad allenarsi

Jack, rischio intervento Milan pronto sul mercato

Tutto congiura per l’operazione di Giacomo Bonaventura. Intervento delicato: cartilagine del ginocchio.La stagione sarebbe finita. Ipotesi sul mercato

Ronaldo e Giorginaa Londra tra tennis e teatro

CR/ ha approfittato dei giorni di riposo concessi da Massimiliano Allegri per una piccola vacanza con la famiglia a Londra: dove non ha badato a spese