«Olimpiadi 2026 noi uniti e decisi»

  • Milano/Olimpiadi 2026

SPORT  «Io e il sindaco di Milano, Sala, siamo assolutamente decisi, perché riteniamo che le Olimpiadi siano un evento importante e strategico. Non facciamo certamente pressioni di carattere partitico perché riteniamo di essere i migliori». Lo ha detto ieri il presidente della Lombardia, Fontana, interrogato sulla possibilità che Milano e la Lombardia ospitino le Olimpiadi invernali del 2026. Un’affermazione giunta  dopo la crisi che nella notte tra lunedì e martedì ha lacerato la giunta M5s di Chiara Appendino a Torino, divisa sul dossier olimpico. Uno scontro che aveva portato la Sindaca a minacciare le dimissioni nel caso in cui la maggioranza più oltranzista dei consiglieri  M5s continui a dirsi contraria. Ieri poi Appendino è volata a Roma a parlare col sotto segretario Giorgetti. E proprio nelle more di tale turbolenza che Fontana e Sala intendono far valere la proposta di Milano: «Se loro non sono decisi, noi lo siamo. Noi stiamo rispettando la procedura elaborando un nostro progetto. Aspettiamo che il Governo si esprima». E ieri il Governo, per bocca del ministro grillino  Toninelli, si è espresso, scegliendo Torino.  «Capisco che possano esserci idee differenti, ma un M5s di governo non può non rilanciare la proposta di Torino che è migliore di altre come quella di Milano». 

 

Articoli Correlati
Milano/Olimpiadi 2026

Un'Olimpiade da 1,2 miliardi di euro

E dopo il primo vertice operativo, Sala e Fontana chiedono al governo di partecipare alle spese
Milano/Olimpiadi 2026

Olimpiadi, Sala: «Serve il governo»

Il sindaco smentisce l’esistenza di un dossier, allontana l’ipotesi Torino e chiede fondi per Idroscalo e Navigli