Milano scaccia la crisi ma insegue l'Europa

  • Milano

Milano tira, è sexy, attrae investimenti e persone, ma potrebbe fare molto meglio, almeno secondo i dati dell’Osservatorio Milano di Assolombarda presentati ieri. Se si confronta con il resto d’Italia spicca, ma se il confronto è con le altre metropoli europee e globali, allora c’è ancora parecchia strada da fare. Per esempio il turismo: grazie all’effetto Expo Milano nel 2016 ha raggiunto i 2,2 turisti per abitante, ma è ben lontana dagli 8,8 di Berlino, così come è lontanissima da Londra per quanto riguarda la capacità di attrarre imprese. Resta al top per  negozi, ristorazione e moda, ma in coda per aree verdi.
Milano piace molto ai giovani stranieri, soprattutto a quelli che vogliano studiare, ben 198mila (è la 33esima città universitaria al mondo), ma attrae più talenti Monaco. Proprio il capitolo giovani è tra i più critici: rispetto alle altre città europee prese in esame Milano è quella con più alta quota di neet e di disoccupazione giovanile, una generazione schiacciata dall’invecchiamento della popolazione.  Criticità anche nel tasso di attività femminile, che seppur in risalita è ancora lontano da quello dei competitor europei, tra cui primeggia Barcellona.
PAOLA RIZZI

Articoli Correlati

Occupavano le case Aler ma non chiedevano soldi

Ai domiciliari nove antagonisti accusati di gestire un mercato parallelo delle assegnazioni al Giambellino

Sosta vietata una multa ogni 28 infrazioni

Per Aci Milano, a fronte di 2,8 milioni di infrazioni commesse ogni mese, è sanzionato solo il 3% dei colpevoli

Pioltello: le perizie "incolpano" le rotaie

Per i periti della procura, i binari e i giunti erano usurati. Mancava anche la manutenzione