Gtt, lo sciopero contro l'austerity

  • TORINO

TORINO I dipendenti di Gtt oggi incrociano le braccia. Lo sciopero è previsto dalle 18 alle 22, mentre le linee ferroviarie Torino-Ceres e Canavesana si fermeranno dalle 18 fino alla fine del turno.

La protesta è stata indetta da Cgil, Cisl e Uil contro il piano industriale dell’azienda sottoscritto dal Comune, ragione per cui nel pomeriggio i lavoratori si raduneranno sotto il municipio. «Avevamo avviato una trattativa con l’azienda che si è interrotta quando, alla nostra richiesta di cancellare i 260 licenziamenti, Gtt ha proposto di ridurre gli stipendi ai lavoratori - spiega il segretario regionale della Fit-Cisl Antonio Costanza -. Ma i dipendenti di questa società hanno già dato molto».

Dal 2009, non ci sono aumenti in busta paga. «I 260 licenziamenti avverranno nel giugno 2019 - aggiunge Antonio Mollica, segretario regionale della Uil Trasporti -. A questi si aggiungono i 550 “accompagnamenti alla pensione”. È inaccettabile che si cerchi di recuperare 24 milioni di euro con i tagli. Bisogna ripensare l’organizzazione. La politica deve prendersi delle responsabilità». I sindacati si sono rivolti anche alla cittadinanza: «Scioperiamo soprattutto per i cittadini - conclude Costanza -. Vogliamo che l’azienda rimanga pubblica perché fornisce un servizio per tutti».

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti

Sindaca snobbata dalle “madamin"

Le vuole incontrare ma loro: «Prima Mattarella»