"Cannabis light rischiosa la vendita va vietata"

  • cannabis

Stop alla vendita dei prodotti a base di cannabis light, cioe' con il principio attivo Thc inferiore ai limiti di legge, con i negozi green proliferati negli ultimi mesi in tutta Italia. E' quanto contenuto in un parere formulato dal Consiglio Superiore di Sanità su richiesta del ministero della Salute lo scorso febbraio. "Non può essere esclusa la pericolosità dei prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa", avverte il Css, che "raccomanda che siano attivate nell'interesse della salute individuale e pubblica misure atte a non consentire la libera vendita".

Il limite. Questo perché il limite di Thc previsto dalla legge (0,2-0,6%) "non è trascurabile", e gli effetti psicotropi possono comunque prodursi, magari aumentando le dosi. Peraltro con un consumo "al di fuori di ogni possibilità di monitoraggio e controllo della quantità effettivamente assunta e quindi degli effetti psicotropi che possa produrre". Secondo il Css peraltro non è stato valutato "il rischio connesso al consumo di tali prodotti in relazione a specifiche condizioni (età, presenza di patologie concomitanti, stato di gravidanza/allattamento, interazioni con farmaci, effetti sullo stato di attenzione, etc..) così da evitare che l'assunzione inconsapevolmente percepita come sicura e priva di effetti collaterali si traduca in un danno per se stessi o per altri (feto, guida in stato di alterazione)".

Articoli Correlati

Coca Cola progettabevande alla cannabis

Non verrebbe usato il principio psicoattivo, e lo scopo sarebbe principalmente analgesico

Sì dalla CameraLa cannabis diventa terapeutica

Sì alla Camera Contro il dolore potranno essere utilizzati farmaci se con ricetta medica e per non più di 3 mesi

Cannabis, via liberaall'uso terapeutico

Il trattamento non può superare i 3 mesi