Stadio, Raggi in Procura ascoltata come testimone

  • Roma

La sindaca di Roma Virginia Raggi è arrivata presso la Procura di Roma dove verrà ascoltata come testimone nell'ambito dell'indagine sul progetto dello stadio della Roma. Poco dopo di lei è entrato a piazzale Clodio anche l'avvocato Luca Lanzalone, ex presidente di Acea, da due giorni agli arresti domiciliari. "Andrò in procura come testimone per fare chiarezza su una vicenda che mi vede come parte lesa. La procura ha già detto che non c'entro niente. Per favore non iniziamo con il solito fango", ha detto la sindaca uscendo dal Campidoglio.

Stadio. "Per maggior sicurezza nostra, dei cittadini, dell'amministrazione e dell'impresa avvieremo immediatamente una verifica e, se darà esito positivo, si potrà continuare col progetto", spiega la sindaca in un video su Twitter insieme a Mauro Baldissoni, dg della As Roma, facendo il punto della situazione dello stadio del club dopo il terremoto che ha travolto Parnasi e Lanzalone e alcuni politici. "Abbiamo ritenuto necessario fare il punto con la sindaca per valutare quello che è successo e quali sono i passaggi procedurali a nostra disposizione per salvaguardare un progetto a cui abbiamo lavorato per anni", dice Baldissoni. Quindi la sindaca aggiunge: "Noi partiamo da quanto affermato dalla procura di Roma, ossia che gli atti della procedura apparentemente sono tutti validi. Ovviamente - prosegue - per maggior sicurezza nostra, dei cittadini dell'amministrazione e dell'impresa avvieremo immediatamente una verifica. Se darà esito positivo si potrà continuare col progetto. Vorremmo proseguire - conclude Raggi - nel solco della legalità con una verifica ulteriormente garantista per un progetto che è molto importante". 

Articoli Correlati

Metrovia, think tankper Roma 2030

Domenica 18 al Macro "Effetto Rete. Think tank per Roma 2030"

Smog, da gennaionuove restrizioni

A rischio i diesel Euro 3, accordo tra Regione Lazio e ministero dell'Ambiente

Stretta su alcole prostituzione

Il nuovo regolamento di polizia urbana di Roma: ecco le norme anti degrado