L'esordio di Di Maio sarà il Decreto dignità

  • Lavoro

ROMA Il primo decreto del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio si chiamerà «Decreto dignità» e avrà quattro punti fondamentali: facilitazioni per le imprese (eliminare «tutte quelle cose come spesometro, redditometro e studi di settore»); stop alle delocalizzazioni; lotta alla precarietà («a partire dalle garanzie per i riders») e messa al bando della pubblicità del gioco d’azzardo.

METRO

Articoli Correlati

Occupazione, male giovaniCrollo per gli autonomi

Il tasso di disoccupazione resta stabile al 9,8%, male i giovani e gli autonomi

Lavoro, il robotspaventa sempre di più

Rapporto Censis: sette milioni di italiani temono di perdere il lavoro a causa dele nuove tecnologie

Le mamme e il lavoro,in Italia tasso solo al 57%

Il tasso di occupazione delle madri tra 25 e 54 anni che si occupano di figli piccoli o parenti non autosufficienti è del 57% a fronte dell'89,3% dei padri