Celestini racconta i senza tetto

  • Milano/Teatro

MILANO Una trilogia che si costruisce recita dopo recita. Perché l’attore e drammaturgo romano Ascanio Celestini porterà all’interno della sua nuova Ballata dei senza tetto, di scena domenica, alle 21.30, al Carroponte di Sesto San Giovanni, i racconti di altri suoi spettacoli  come Laika, rappresentata in giro per l’Italia da oltre due anni, e il suo più recente Pueblo che, lo scorso aprile, ha  debuttato  al Teatro Franco Parenti. 

Sul palco Celestini, capace di raccontare come pochi la storia di oggi come fosse mito e viceversa, pesca dai personaggi che aveva fatto conoscere al pubblico in queste sue due ultime fortunatissime esperienze teatrali: dalla cassiera del supermercato di Pueblo alla Vecchia di Laika che va a fare la spesa insieme alla prostituta, dal magazziniere che odia lo zingaro fino al nuovo personaggio di Giobbe, l’analfabeta che conosce il grande magazzino a memoria.

Alla ribalta va così un universo, quasi dantesco, di anime - quelle degli ultimi -  che sembra abitare, oggi più che mai, la periferia di una qualsiasi nostra città. 

Tutto ruota attorno a due parcheggi, quello del supermercato e quello di un grande magazzino pieno di pacchi in cui il narratore Ascanio Celestini racconta quello che vede: alle volte qualcosa che conosce, altre quello che immagina soltanto (Info: carroponte.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Tramedautore diventa maggiorenne

Ad aprire la rassegna ci penserà domani alle 19,30 “Mari” di e con Tino Caspanello

Il professor Stravalaci dà lezioni d’italiano

L’attore, diretto da Francesco Frongia, in prima assoluta presenta “La lingua langue” all’Elfo Puccini

Bergonzoni all'Elfo in prima nazionale

“Trascendi e sali” è il nuovo spettacolo di Alessandro Bergonzoni in scena da stasera