Caos diritti tv Al via nuove trattative private

  • Calcio

CALCIO È fallito il tentativo in extremis di Mediapro, l’intermediario spagnolo che, in risposta alla rescissione del contratto sui diritti televisivi della Serie A, aveva proposto in zona Cesarini alla Lega calcio delle garanzie alternative per 1,6 miliardi di euro. Respinto questo tentativo, i presidenti riuniti nella Confindustria del pallone, in assemblea nella sede di via Rosellini a Milano, hanno dato ieri l’avvio alla trattativa privata per la cessione dei diritti del massimo campionato. Il nuovo bando, oltre a Sky e agli altri broadcaster, interessa anche a Mediaset, che vuole assicurarsi la migliore offerta possibile per i propri abbonati. Il presidente della Lega calcio, Gaetano Miccichè, ha confermato che venerdì si farà «un’analisi delle prime offerte», per poi arrivare alla «prossima settimana in cui chiuderemo il tutto». Il 13 giugno nuova assemblea: potrebbe essere il giorno per archiviare la trattativa.

Articoli Correlati

Roma, ecco ManciniOra tutto su Alderweireld

L'ex atalantino ha sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2024. Ora si intensificherà il negoziato per il difensore del Tottenham

Icardi, offerta in arrivoil Napoli prepara 60 milioni

Sarebbe pronta una offerta del Napoli per Icardi: 60 milioni di euro. L'Inter nel frattempo è a Singapore dove sabato affronterà lo United

Italia-Brasile 25 anni fache fine hanno fatto i protagonisti

Mondiali americani 1994: che fine hanno fatto gli azzurri protagonisti della finale del Rose Bowl, il 17 luglio a Pasadena? Qui tutte le storie