Caos diritti tv Al via nuove trattative private

  • Calcio

CALCIO È fallito il tentativo in extremis di Mediapro, l’intermediario spagnolo che, in risposta alla rescissione del contratto sui diritti televisivi della Serie A, aveva proposto in zona Cesarini alla Lega calcio delle garanzie alternative per 1,6 miliardi di euro. Respinto questo tentativo, i presidenti riuniti nella Confindustria del pallone, in assemblea nella sede di via Rosellini a Milano, hanno dato ieri l’avvio alla trattativa privata per la cessione dei diritti del massimo campionato. Il nuovo bando, oltre a Sky e agli altri broadcaster, interessa anche a Mediaset, che vuole assicurarsi la migliore offerta possibile per i propri abbonati. Il presidente della Lega calcio, Gaetano Miccichè, ha confermato che venerdì si farà «un’analisi delle prime offerte», per poi arrivare alla «prossima settimana in cui chiuderemo il tutto». Il 13 giugno nuova assemblea: potrebbe essere il giorno per archiviare la trattativa.

Articoli Correlati

Per Paul Guascoignei guai non finiscono mai

Questa volta l'ex centrocampista della Lazio è accusato di molestie sessuali dalla polizia

Contro gli Stati Unitil'Italia verde

Occhi puntati su Tonali, Lasagna, Kean & Co. nell'amichevole a Genk

Pellegrini e Vrsaljkotornano acciaccati

Il romanista e l'interista “ko” dopo le gare di Nations League. Martedì sera a Genk amichevole Italia-Usa