Caos diritti tv Al via nuove trattative private

  • Calcio

CALCIO È fallito il tentativo in extremis di Mediapro, l’intermediario spagnolo che, in risposta alla rescissione del contratto sui diritti televisivi della Serie A, aveva proposto in zona Cesarini alla Lega calcio delle garanzie alternative per 1,6 miliardi di euro. Respinto questo tentativo, i presidenti riuniti nella Confindustria del pallone, in assemblea nella sede di via Rosellini a Milano, hanno dato ieri l’avvio alla trattativa privata per la cessione dei diritti del massimo campionato. Il nuovo bando, oltre a Sky e agli altri broadcaster, interessa anche a Mediaset, che vuole assicurarsi la migliore offerta possibile per i propri abbonati. Il presidente della Lega calcio, Gaetano Miccichè, ha confermato che venerdì si farà «un’analisi delle prime offerte», per poi arrivare alla «prossima settimana in cui chiuderemo il tutto». Il 13 giugno nuova assemblea: potrebbe essere il giorno per archiviare la trattativa.

Articoli Correlati

Caos Serie BPer ora resta a 19 squadre

Il Tar del Lazio ha revocato il decreto presidenziale che la sezione, con un altro presidente, ha emesso sabato accogliendo i ricorsi di Pro Vercelli e Ternana

Empoli-Lazio 0-1I biancocelesti soffrono ma passano

Basta un gol di Parolo ai biancocelesti per sbancare il Castellani. Ma i toscani vendono cara La squadra di Inzaghi sale così a quota sei punti in classifica

Ronaldo, è doppiettaLa Juventus già vola

Juventus-Sassuolo 2-1. Per il portoghese prima rete (con doppietta) in bianconero- La squadra di Allegri sempre più padrona del campionato