Gtt: doppio sciopero contro i tagli

  • Torino/Trasporti

TRASPORTI Sarà un giugno di lotta per i dipendenti Gtt. Sono due gli scioperi indetti dalle sigle sindacali dell’azienda di trasporto pubblico contro gli esuberi previsti nel piano industriale realizzato per risanare l’azienda. Si comincia venerdì 8 giugno, quando gli iscritti alle sigle Faisa-Cisal, Fast-Confsal e Usb si asterranno dal lavoro per 24 ore: sono garantite le fasce di sicurezza dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15 sulle linee urbane, suburbane e metropolitane. Il 22 giugno, invece, saranno gli iscritti ai sindacati confederali Fit-Cisl, Filt-Cgil e Uilt che incroceranno le braccia dalle 18 alle 22. «Siamo molto preoccupati - spiega Costanza della Fit -. Mancano investimenti e progetti, ci sono solo tagli e disservizi». «Oltre ai 260 licenziamenti - sottolinea Bernardo della Filt - ci preoccupa anche l’esposizione finanziaria di Gtt, pari a oltre 340 milioni tra debiti con fornitori, banche e Comune e Iva non versata». «Gtt non ha più una governance in grado di governare legittimamente», aggiunge Mollica, segretario Uilt. Intanto, protestano anche i ciclisti: «Il numero degli incidenti che coinvolgono ciclisti e pedoni a Torino è cresciuto, mentre gli investimenti per ciclabilità e moderazione del traffico si sono ridotti drasticamente», denuncia la Fiab Torino e dintorni. ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati
Torino/Trasporti

Rivoluzione Gtt Ticket a 1,70

Dura 100 minuti ed è utilizzabile nella rete suburbana. Fino a fine luglio validi i biglietti elettronici
Torino/Trasporti

Treni: i pendolari chiedono più sicurezza

E le associazioni dei consumatori invocano norme chiare sugli indennizzi per ritardi e soppressioni
Torino/Trasporti

Gtt: 24 ore di stop contro il piano Appendino

Terzo sciopero in meno di due mesi per l'azienda di trasporto. Intanto il ministro Delrio annuncia: «No alla privatizzazione»