Il piano di Fca non convince

  • TORINO

TORINO Oggi Sergio Marchionne illustrerà le strategie di Fca fino al 2022. È il suo ultimo piano industriale: dal prossimo anno lascerà la Fiat, dove è arrivato nel 2004 per rimettere in sesto l’azienda della famiglia Agnelli.

Dalle prime indiscrezioni pare che Fca si concentrerà sulle auto di lusso, con Jeep, Alfa e Maserati protagoniste, mentre saranno ridimensionate le auto di massa e il brand Fiat, che concentrerà le attività in Europa e in Sud America. In Italia resterà la produzione della 500X a Melfi, mentre quella della Panda sarà spostata da Pomigliano in Polonia. Non sarà più prodotta la Punto e non è certo il futuro della Tipo realizzata in Turchia. Tutta la produzione italiana sarà concentrata sui modelli del lusso e sui suv. Questo è ciò che più preoccupa la Fiom, sigla dei metalmeccanici della Cgil, che considera «un disastro» questa ipotesi: «È incredibile l’idea che in Italia si possano fare solo modelli di lusso - spiega Francesca Re David, segretario generale Fiom al “Workers Day” organizzato ieri -. Per raggiungere l’obiettivo della piena occupazione servono modelli di tutta la gamma». Questo era uno degli obiettivi fissati da Marchionne da realizzare entro quest’anno, ma la situazione è ben diversa e a Mirafiori sono moltissimi i lavoratori in cassa integrazione: «Fca non ha rispettato i piani che ha presentato dal 2010 - denuncia ancora Re David -: non sono stati messi in produzione 15 modelli su 27 annunciati». Anche Fim, Uilm, Fismic e Ugl - che ricordano i passi avanti compiuti negli ultimi anni - sottolineano come non sia stata raggiunta la piena occupazione.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti