Piano anti smog fermo da 30 anni

  • TORINO

TORINO Da tre anni la Regione deve rinnovare il “Piano regionale antismog”, fermo a 18 anni fa. «Siamo ancora in attesa», ha denunciato ieri Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, nel corso di “Muoviamoci Bene”, forum per la “mobilità nuova”.

Oltre al piano, gli ambientalisti aspettano anche che «tanti sindaci, anziché continuare a fare la danza della pioggia, recepiscano le seppur limitate misure previste dal protocollo padano antismog», ha aggiunto Dovana. Sei dei 44 comuni piemontesi non hanno ancora aderito: Ivrea, Casale Monferrato, Trecate Caselle, Volpiano e Mappano.

«Siamo consapevoli che le nostre città potranno tornare a respirare soltanto con una disponibilità al cambiamento di abitudini da parte dei cittadini, un protagonismo del mondo imprenditoriale e il necessario indirizzo della politica», ha detto ancora. Torino, ad esempio, è una delle città col più alto numero di auto per abitante. «Le amministrazioni locali nei prossimi anni dovranno agevolare con decisione la mobilità dolce, privilegiare veicoli elettrici o ibridi e mettere al bando i diesel. È necessario un ulteriore impegno della Regione per rilanciare il trasporto ferroviario come strumento utile a migliorare la qualità dell’aria», ha concluso Dovana.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Una superperiziaper il caso Ream

Il gup ha accolto la richiesta dei legali della sindaca Appendino, l'ex braccio destro Giordana e l'assessore Rolando e il dirigente comunale Rubbia

Neonato mortoindaga la procura

Il piccolo dimesso dal Maria Vittoria con una semplice terapia di aerosol aveva la polmonite

Servizi anagraficidall'edicolante

La novità “elimina code” sarà disponibile da marzo