Il “Dossier” di Higgins apre Jazz is Dead

  • Torino/Musica

TORINO Tre giorni di musica contaminata e innovativa, destinata a un pubblico curioso, aperto alle sperimentazioni ed esigente in fatto di qualità. È  “Jazz is Dead!”, organizzato da Arci Torino, che da oggi a domenica animerà l’ex cimitero di San Pietro in Vincoli con  live a ingresso gratuito.

Si parte oggi con l'avanguardia di Patrick Higgins, compositore di musica per concerti e chitarrista dell’ensemble ZS, col nuovo cd “Dossier”. Nella stessa giornata si esibiranno  Pierre Bastien, Lubomyr Melnyk, Tre Dreamers e altri.

Domani giornata “world” con Rhabdomantic Orchestra e One Blood Family, composta da ragazzi migranti e richiedenti asilo politico di diverse nazionalità presenti nell'area torinese.

Domenica dedicata ai duetti con Zeus!, Mombu, NoHayBanda!, Francesco Donadello, Andrea Belfi, Massimo Pupillo e Stefano Pilia.

Allo Spazio211, stasera, finale di Arezzo Wave Piemonte con Afrodream, Lümo, The Castillos, T.M.T., ospiti Gigi Giancursi e “Il Gruppo”, a seguire domani la finale di Pagella non solo rock 2018, ospiti Tropical Pizza Soundsystem

Al Blah Blah ecco stasera l'elettropop di Lemandorle e domani l'indie-rock dei norvegesi Einar Stray Orchestra.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Il cuore pop di Giorgia batte al Pala Alpitour

Il tour prende il nome dal suo cd composto da cover

Coma_Cose al Concordia: «Ci piace contaminare»

Il duo presenta l’album d’esordio “Hype Aura”

Elisa riempie il Lingotto per tre sold out

L’artista giuliana canterà live i brani tratti da “Diari aperti” e molti dei suoi vecchi successi