Il “Dossier” di Higgins apre Jazz is Dead

  • Torino/Musica

TORINO Tre giorni di musica contaminata e innovativa, destinata a un pubblico curioso, aperto alle sperimentazioni ed esigente in fatto di qualità. È  “Jazz is Dead!”, organizzato da Arci Torino, che da oggi a domenica animerà l’ex cimitero di San Pietro in Vincoli con  live a ingresso gratuito.

Si parte oggi con l'avanguardia di Patrick Higgins, compositore di musica per concerti e chitarrista dell’ensemble ZS, col nuovo cd “Dossier”. Nella stessa giornata si esibiranno  Pierre Bastien, Lubomyr Melnyk, Tre Dreamers e altri.

Domani giornata “world” con Rhabdomantic Orchestra e One Blood Family, composta da ragazzi migranti e richiedenti asilo politico di diverse nazionalità presenti nell'area torinese.

Domenica dedicata ai duetti con Zeus!, Mombu, NoHayBanda!, Francesco Donadello, Andrea Belfi, Massimo Pupillo e Stefano Pilia.

Allo Spazio211, stasera, finale di Arezzo Wave Piemonte con Afrodream, Lümo, The Castillos, T.M.T., ospiti Gigi Giancursi e “Il Gruppo”, a seguire domani la finale di Pagella non solo rock 2018, ospiti Tropical Pizza Soundsystem

Al Blah Blah ecco stasera l'elettropop di Lemandorle e domani l'indie-rock dei norvegesi Einar Stray Orchestra.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

L’energia di Anastacia a suon di “SPRock”

La popstar inaugura stasera la stagione del Gru Village

La musica alternativa al Blackout Fest

Da oggi a domenica allo Spazio 211 il cartellone di ospiti fra cui The Ex

MiTo 2019 punta sulle “geografie” della musica

Martha Argerich inaugura il festival con la Israel Philarmonic Orchestra