Tredici, la nuova stagione «Per discutere sul bullismo»

  • Dylan Minnette Katherine Langford Netflix

TV In Italia il titolo era solo Tredici. È stata una delle serie più seguite di Netflix e da oggi parte la seconda stagione a passo di carica. Cosa racconta, dato che la ragazza protagonista si è già suicidata e ha ampiamente spiegato i suoi perché? Semplice. Racconta le conseguenze della morte di Hannah per i protagonisti, tutti un po’ colpevoli e tutti un po’ innocenti, mentre la scuola si prepara a un processo e c’è  chi lavora per non far emergere nessuna verità.
«Mi piaceva l’idea di approfondire le ragioni dei personaggi e non mi importa delle critiche. Il nostro scopo era far discutere sul bullismo, sul suicidio, sulla violenza e direi che ha funzionato. Spero si discuta ancora» dice il protagonista Dylan Minnette. Che poi confessa: «Sono un impulsivo come il Clay che interpreto ma da lui ho imparato a ponderare meglio le cose».

Mentre per la protagonista Katherine Langford è ancora un’altra storia: «Quella della candidatura al Golden Globe come migliore attrice di serie tv che non mi aspettavo e quella di una notte speciale legata anche al Time’s Up, contro le molestie sulle donne che mi porterò sempre dentro». E quali sono, invece, secondo loro le sfide più grandi per i giovani oggi? «Quando sei giovane sei insicuro sul tuo futuro, hai paura di diventare adulto e quel che è più importante è sentire un senso di comunità – spiega Dylan – E nella serie c’è tutto questo, la domanda se queste persone traumatizzate possano avvertire ancora un senso di comunità, permettere agli altri di aiutarli e a loro stessi di aiutare gli altri».

 

SILVIA DI PAOLA