Tutte le vite di Eleonora a passo di charleston

  • Libri/Eleonora Giorgi

È ripartito da un passo di charleston il nuovo giro di danza dell’esistenza di Eleonora Giorgi, star dell’edizione di quest’anno di Ballando con le stelle (ultima puntata sabato prossimo). Così vale la pena di rileggere l’autobiografia Nei panni di un’altra uscita da Mondadori Electa (p. 208, 18,90). Lei, l’attrice più famosa d’Italia con film come Borotalco, che vince David di Donatello e fa commedie blockbuster dopo aver sposato Angelo Rizzoli vive un incubo dopo che lui resta coinvolto nello scandalo P2.

Chi è Eleonora Giorgi?
Siamo sempre state in due: Eleonora e Eleonora Giorgi. Eleonora Giorgi è servita da Eleonora con mille premure. Nel frattempo, con quella pazza di Eleonora ci facciamo un sacco di risate.

Mesi fa pensava al convento, poi ha fatto Ballando con le stelle.
Quando si spegneranno i riflettori sulla Giorgi, ci sarà solo Eleonora, la sua voglia di raccoglimento. Pregare 10 minuti al giorno è un dono che ti fai.

Voleva dedicarsi all’arte. Perché è diventata attrice?
Per incoscienza. Passavo da un ruolo all’altro con una facilità incredibile. Ho una sensibilità quasi da medium. È l’empatia verso gli altri, ho scoperto più tardi, la chiave per fare l’attrice.

Lo spartiacque dalla sua vita è stato l’incontro con Angelo Rizzoli. Cosa c’era tra voi?  
Enorme amore reciproco.  Per il piacere di compiacere la persona che ami accetti cose che non ti corrispondono.

Nel suo libro ci sono molte scene madri, una con Giulio Andreotti.
Me lo aveva chiesto Angelo di fare tutta una serie di incontri: vidi anche Indro Montanelli, per cercare di trovare appoggi mentre Angelo era in carcere.

Ha detto di aver subito molestie dai politici. Conferma?
Vero, erano politici molto importanti quelli che mi hanno rovesciata sui loro divani.

E lei?
Mia madre racconta che a tre anni, a un bambino che mi ha sollevato il pagliaccetto al parco, ho dato uno schiaffo fortissimo. Si può immaginare. Mi faccio abbattere con l’accetta ma se non voglio è no.

ANTONELLA FIORI @aflowerinlife