Trenord-Fs, Fontana pronto a trattare

  • Milano/Trasporti

TRASPORTI  La proposta di Renato Mazzoncini, ad di Ferrovie dello Stato, per il miglioramento del servizio  di Trenord «non è ancora arrivata, la leggeremo e valuteremo con attenzione, siamo pronti a tutto. L’importante è che si inverta la rotta». Così il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha risposto a quanti chiedevano lumi circa l’intervista rilasciata da Mazzoncini al “Corriere della Sera” nella quale l’ad si diceva pronto a investire su Trenord a fronte però di un cambio della governance. 

Per il capo di Fs, precondizione per migliorare il servizio è investire su nuovi treni - ed Fs sarebbe pronta a farlo per circa 1,5 miliardi -, a patto che venga superata l’attuale governance duale (Fs e Pirellone sono soci al 50% della società). Mazzoncini  inoltre prometteva di far pervenire al Pirellone una proposta concreta  entro due settimane. Un’ipotesi che ieri Fontana non ha respinto: la Regione è pronta «a cedere o ad acquisire», o anche «a fare tutto da soli: cioè, o cediamo una partecipazione o acquisiamo tutto noi» ha spiegato. L’importante, per il Governatore, «è che il servizio migliori e che i cittadini non siano più in condizioni di viaggiare in modo, diciamo eufemisticamente, disagiato», ha concluso.
ANDREA SPARACIARI

 

Articoli Correlati
Milano/Trasporti

Trenord: via i convogli con meno di 50 passeggeri

Tagliato il 5% dei treni che saranno sostituiti da bus. Insorge l'opposizione: «Il piano di rilancio non esiste». Intanto è boom di ritardi e soppressioni
Milano/Trasporti

Trenord: dai pendolari no al taglio dei treni

Dopo mesi di disagi, i comitati chiedono di bloccare l’annunciata diminuzione dei convogli. E domenica sarà sciopero dell'Orsa
Milano/Trasporti

Mazzoncini: «Lunedìdecideremo su Trenord»

L'Ad di Fs risponde alla controproposta fatta dal presidente lombardo Fontana. La prossima settimana il verdetto