Famiglie kamikaze in Indonesia tre in 48 ore

  • terrorismo

indonesia A Surabaya, la seconda città più popolosa dell’Indonesia, sono stati due giorni di bombe e morti. Nelle ultime 48 ore l’ombra dello Stato Islamico è tornata ad allungarsi sul più grande Paese musulmano al mondo per numero di credenti, con più di 203 milioni di fedeli, l’87% della popolazione indonesiana, al 99% di professione sunnita. Gli attentati degli ultimi due giorni,  a “conduzione familiare”, contro chiese cristiane e polizia, sono l’ultima escalation. Tre le famiglie kamikaze all’opera nelle ultime 48 ore. 
L’ultima in ordine di tempo ieri mattina: tre membri di una famiglia sono morti durante un blitz della polizia, a causa dell’esplosione di un ordigno che stavano preparando nel loro appartamento.  Nel blitz, oltre all'uomo, sono morti la moglie e uno dei figli. Altri due figli sono rimasti feriti.

Articoli Correlati

Strasburgo, è mortoil giovane cronista italiano

Antonio Megalizzi, il giornalista ferito gravemente nell'attacco di Strasburgo, è morto

Chekatt viene uccisoin uno scontro a fuoco

L'attentatore dei mercatini di Natale fermato in strada da agenti: spara, ma viene colpito a sua volta,a morte

Ore cruciali per MegalizziSi cerca ancora Chekatt

Gravissime, ma stabili, le condizioni del giornalista italiano colpito durante l'attacco ai mercati di Natale a Strasburgo