Fermato a Strasburgo amico dell’accoltellatore

  • terrorismo

FRANCIA È stato fermato a Strasburgo un amico e coetaneo di Khamzat Azimov, il 21enne di origine cecena, naturalizzato francese nel 2010, che ha seminato il terrore sabato notte nel cuore di Parigi, uccidendo a coltellate un passante e ferendone altri 4 prima di essere ucciso dalla polizia. Azimov era incensurato, ma sotto osservazione da parte dei servizi segreti francesi e classificato con la “S” che contraddistingue gli estremisti. Lo hanno riferito fonti vicine alla procura anti-terrorismo di Parigi, secondo le quali in Francia ci sarebbero oltre 10.000 persone identificate con la fiche “S”: sono islamisti radicali, individui che possono avere legami con gruppi terroristici, ma anche hooligans e membri di gruppi di estrema destra o sinistra.

Interrogati i genitori

L’attacco di sabato è stato rivendicato dall’Isis. I genitori dell’aggressore sono stati interrogati. Secondo la stampa francese il giovane, vestito da jogging, è arrivato in metro sul luogo dell’attentato e ha urlato «Allah Akbar». «È un soldato dello Stato islamico - si legge nella rivendicazione Isis - e l’operazione è una rappresaglia contro gli Stati della Coalizione». «La Francia paga ancora un prezzo di sangue, ma non cederà ai nemici della libertà», ha reagito il presidente Macron.

METRO

Articoli Correlati

Strasburgo, è mortoil giovane cronista italiano

Antonio Megalizzi, il giornalista ferito gravemente nell'attacco di Strasburgo, è morto

Chekatt viene uccisoin uno scontro a fuoco

L'attentatore dei mercatini di Natale fermato in strada da agenti: spara, ma viene colpito a sua volta,a morte

Ore cruciali per MegalizziSi cerca ancora Chekatt

Gravissime, ma stabili, le condizioni del giornalista italiano colpito durante l'attacco ai mercati di Natale a Strasburgo