Zona 30 al Corvetto commercianti scettici /LE FOTO

CORVETTO Ci sono già, a Milano, zone 30 a velocità ridotta. Quella che ieri, al Corvetto, tra le vie Scrivia e Tagliamento, ha cominciato a prendere forma, però, è particolare: anzitutto perché provvisoria (fino a domenica), poi perché è “partecipata”, fatta in costante dialogo con gli abitanti del quartiere, infine perché arricchita da soluzioni innovative, quali i parcheggi a spina di pesce al contrario alternati ai parcheggi in linea per formare una “chicane”. Ieri, alla presenza dell’assessore Granelli, il “via” agli interventi, voluti da Genitori Antismog, Fiab Milano Ciclobby e sotto la regia dell’architetto Matteo Dondé, un celebre progettista (che Metro ha intervistato l'altro giorno: leggi qui). Il quale, a Metro, racconta di «una buona accoglienza della novità da parte dei residenti» e di qualche resistenza, invece, da parte dei commercianti, che per qualche giorno dovranno fare a meno del parcheggio caotico dei clienti cui sono abituati. E poi, domenica, si fa festa, con il pranzo comunitario “scendi il piatto” negli spazi “liberati”.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati

Larghissime inteseper i Giochi lombardo-veneti

Da Fontana a Sala al M5S un coro di sì alla candidatura autonoma per le Olimpiadi invernali del 2026

Ipotesi all'Atm:il biglietto “breve”

Per bilanciare il prossimo rincaro, costerebbe meno di due euro e durerebbe meno di 90 minuti. Gratuità possibile per gli under 14

Raid vandalico a scuolaI bambini ripuliscono le aule

Scritte omofobe e svastiche nel centro che aiuta i ragazzi migranti