Una mano robot dalla presa perfetta

  • Tecnologia

Si chiama Hannes, sarà disponibile a partire dal 2019 e consentirà ai pazienti di recuperare circa il 90 per cento delle funzionalità. È la nuova mano protesica di derivazione robotica sviluppata da Rehab Technologies, il laboratorio congiunto nato nel dicembre 2013 dalla collaborazione tra l’Inail e l’Istituto italiano di tecnologia (IIT).
Tra le caratteristiche principali ci sono una maggiore durata della batteria, una migliore capacità e performance di presa e il costo ridotto del 30% rispetto ai dispositivi attualmente in commercio. La mano robotica, che senza necessità di intervento chirurgico permetterà, di restituire alle persone con amputazione dell’arto gran parte della funzionalità perduta, è stata presentata ieri mattina a Roma. Rispetto a tutte le altre protesi, si adatta perfettamente all'oggetto che si cerca di afferrare e resiste alle eventuali sollecitazioni esterne.

Articoli Correlati

Le tendenze top del 2019 digitale

Cosa c’è da sapere su quello che ci aspetta dal mondo virtuale per non farsi trovare impreparati

Noah Raford: «Ai governiserve il ministro del Futuro»

Futurist in chief a Dubai, ci spiega come si progetta il 21esimo secolo

I robot stanno già facendol’ennesimo salto di qualità

Settore in crescita vorticosa: dal 2016 ad oggi sono sorte 460 startup di Intelligenza artificiale