Rifiuti in fiamme è già record nel 2018

  • TORINO

In Piemonte sale di anno in anno il numero di roghi di depositi di rifiuti. Dai sei incendi in tutto il 2015 si è arrivati ai sette dei primi cinque mesi del 2018. Di fronte ai 100 sopralluoghi effettuati dal 2016 a oggi, 45 hanno portato ad atti di polizia giudiziaria e in 11 casi è stato denunciato un reato. Sono alcuni dei dati forniti ieri dai dirigenti dell’Arpa Piemonte, tra cui il direttore Angelo Robotto, ai consiglieri regionali delle commissioni Legalità e Ambiente che indagano sui roghi di spazzatura.
In moltissimi casi si è trattato di incendi dovuti a fatalità, errori umani, macchinari vecchi e scarsa sicurezza degli impianti: «Nell’80 % dei casi le cause non sembrano essere criminogene», riferisce il consigliere di Leu Marco Grimaldi.  
In altri casi, invece, le fiamme potrebbero essere state appiccate per smaltire rifiuti plastici sporchi e non riutilizzabili, una volta destinati al mercato cinese e ora non più. L’Arpa ha informato che sono in corso approfondimenti con altre agenzie regionali e con le forze dell’ordine. Secondo il M5s il fenomeno evidenzia «la necessità di dare attuazione ai principi dell'economia circolare». ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Una superperiziaper il caso Ream

Il gup ha accolto la richiesta dei legali della sindaca Appendino, l'ex braccio destro Giordana e l'assessore Rolando e il dirigente comunale Rubbia

Neonato mortoindaga la procura

Il piccolo dimesso dal Maria Vittoria con una semplice terapia di aerosol aveva la polmonite

Servizi anagraficidall'edicolante

La novità “elimina code” sarà disponibile da marzo