L’Ifigenia secondo Rifici e Demattè

  • Torino/Teatro

TORINO Un affondo nel mito degli Atridi, riscrivendolo ispirandosi ai testi di Eraclito, Omero, Eschilo, Sofocle, Euripide, Antico e Nuovo Testamento, Nietzsche,  Girard e  Fornari. È quanto hanno fatto il regista Carmelo Rifici, nominato nel 2015 direttore della Scuola del Piccolo Teatro di Milano, dopo Luca Ronconi, e attualmente direttore artistico di Luganoinscena, ed Angela Demattè per la messinscena di “Ifigenia, liberata” al Carignano da stasera a domenica.

Al centro, il tema della violenza dell’uomo come realtà inestirpabile e mistero senza fine.

Lo spettacolo è ambientato in una sala prove in cui un regista e una drammaturga, proprio durante una prova aperta dello spettacolo, riflettono con gli attori sul destino di Ifigenia, figlia di Agamennone e Clitennestra, sacrificata alla dea Artemide per permettere alle navi greche, ferme da tempo in Atride, di partire per Troia a combattere l’esercito di Priamo.

La messinscena procede dando voce alle ragioni di tutti i personaggi della vicenda, da  Agamennone a  Menelao, Ulisse e Clitemnestra, fino a mostrare il pianto purificatrice della stessa Ifigenia che, alla fine, si convince, assecondando la volontà di tutti, di morire per una causa più alta e nobile della sua stessa  vita.

Sul palco un cast nutrito di attori composto, tra gli altri, da Anahì Traversi, Tindaro Granata, Giovanni Crippa ed Edoardo Ribatto (Info: teatrostabiletorino.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Concentrica, lo spettacolosi sposta per la città

Da oggi al 17 novembre la rassegna presenterà spettacoli dal vivo in diversi spazi di Torino

La classe operaia va in teatro

Il film di Petri e Pirro sbarca al Carignano con la regia di Guido Longhi e Lino Guanciale protagonista

Il '68 della Demattèper la regia di Rifici

“Avevo un bel pallone rosso” sarà di scena da domani a domenica al Teatro Astra