Controllore e agente aggrediti da senza biglietto

  • Milano

TRASPORTI Ancora violenze ai danni dei controllori e, stavolta, anche di chi li difende. Il primo episodio domenica mattina, a Saronno, sul Malpensa Express, dove una capotreno, poi ricoverata, è stata presa a calci da una rom, mentre il treno ha dovuto interrompere la corsa a Rescaldina.

Ancora più grave l’accaduto sul Milano-Lecco, sempre di domenica ma nel pomeriggio: una decina di giovani nigeriani ha schiaffeggiato un controllore che chiedeva loro il biglietto, e poi se l’è presa con un poliziotto in borghese intervenuto a difenderlo. Il poliziotto, ricoverato, tornerà presto in servizio sulle volanti. Due nigeriani, in regola col permesso di soggiorno, sono stati fermati. Trenord fa sapere che sono salite a 90 le guardie giurate a bordo, dopo l'immissione in servizio dell'ultima tranche di 18.

Per l'assessore ai Trasporti della Regione, Sorte, quella di far salire a bordo anche dei militari, «è sicuramente un'idea cui tutti stiamo pensando, ma è necessario discutere con chi rappresenta le Forze dell'ordine. Attiveremo un Tavolo di confronto con le prefetture, le questure, le Forze dell'ordine e le aziende in modo da trovare una soluzione». Per il suo collega alla Sicurezza, De Corato, chiede «con urgenza al ministero della Difesa le pattuglie miste Strade Sicure 2009, formate da 3 militari e 2 poliziotti o carabinieri, per presidiare h24 convogli e stazioni lombardi».

Dall'opposizione, Simone Verni del M5S accusa: «Esercito o vigilantes messi in campo per azioni spot sono palliativi», e chiede un serio piano concordato col prefetto. Bussolati (Pd) invece sottolinea: «Sono anni che assistiamo a gravi episodi di insicurezza sui treni e alle immancabili strumentalizzazioni della destra, senza mai avere da parte loro risposte serie. Ogni volta si parla di vigilantes sui treni e di militari nelle stazioni. E' indubbio che servano ma non basta: occorrono finalmente investimenti strutturali come i tornelli per consentire l'accesso sui treni solo a chi ha il biglietto e l'implementazione della videosorveglianza».

METRO

 

Articoli Correlati

Nuovo look nel 2019per i terminal dei bus

Rioqualificazione di San Donato e Lampugnano

Lasciati soliin ospedale

Rifiutati dai parenti, senza risorse: 50 casi monitorati nel registro dei casi sociali. L’Ats: «Una soluzione c’è»