Mal di primavera ecco perché l’umore cambia

  • Salute

SALUTE. Sbalzi d’umore, disturbi d’ansia e dintorni. È un caleidoscopio la psiche. E in un momento di passaggio come la primavera i suoi mille lati sembrano voler uscire ancor di più allo scoperto. Metro ha chiesto alla psicologa e psicoterapeuta Maddalena Cialdella di srotolare una sorta di filo d’Arianna ed esplorare l’argomento.

Ci sono legami fra la psiche e le stagioni?

Il legame tra le manifestazioni di problemi psicologici e le stagioni è dato soprattutto dalla maggiore o minore presenza di luce. Dal punto di vista fisiologico l’aumento delle ore di luce e della sua intensità porta ad una maggiore produzione di cortisolo (il cosiddetto “ormone dello stress”) che l’organismo secerne per far fronte all’aumentato fabbisogno di energia che segue la fine dell’inverno e l’allungamento del periodo di luce giornaliero. Questa variazione può provocare un temporaneo disequilibrio in tutte le persone  causando nervosismo, insonnia, inappetenza e sbalzi d’umore. 

Aumenta anche l’ansia? 

Sì, le conseguenze peggiori le ha chi già soffre  di un disturbo ansioso (e/o depressivo). La maggiore quantità di melatonina e serotonina, infatti ,può determinare variazioni biochimiche che possono portare all’aumento dell’attivazione fisiologica che provoca maggiore disagio nei soggetti che soffrono per l’appunto di ansia.

E gli attacchi di panico?

Sembrano aumentare proprio durante il cambio di stagione. Questa maggiore sofferenza non è dovuta solo al mutamento meteorologico e alle modifiche che il nostro organismo subisce, ma soprattutto alla scarsa capacità di affrontare i cambiamenti. La persona che soffre di questi disturbi, infatti, tende a ricercare un equilibrio in modo tale da rimanere tranquillo e sereno. Di solito, questo equilibrio viene raggiunto evitando cambi di programma, novità e nuovi stimoli. Ma in primavera, così come in autunno, il clima  cambia repentinamente.

LUISA MOSELLO

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.