Eredità milionaria per il gatto Pilù

  • Animali

VERONA Il felino veronese “Pilù” è tra i gatti più ricchi del mondo. Era un trovatello ed ora si ritrova ricco ereditiero. O meglio «legato», visto che la legge italiana - a differenza di quanto avviene in Francia, Usa e Germania - non permette di nominare eredi animali. A rendere nota la vicenda sono stati i legali della Fondazione risparmiatori, ai quali Cecilia Anna D., classe 1930, ex funzionaria della presidenza del Consiglio con ultima residenza a Verona, si era rivolta. La donna è venuta a mancare due settimane fa: era nubile e senza figli. Così ha incaricato i legali di usare il suo patrimonio - che ammonta a circa un milione e mezzo di euro - per le esigenze del gatto “Pilù”: spese veterinarie, mantenimento e ogni altra necessità certificata.

METRO

Articoli Correlati

Il mistero delle balenespiaggiate in Tasmania

Corsa contro il tempo per salvare centinaia di cetacei ancora bloccati. L’esperto: «Esistono una serie di concause»

Il Tar sospende la cattural'orsa JJ4 resta libera

Accolta la richiesta presentata dalle associazioni animaliste Enpa e Oipa

Marijuana agli elefanti nello zoo di Varsavia

Stressati per la morte della femmina alfa