Inter-Juventus, ci siamo chi sbaglia è perduto

  • Calcio

CALCIO Stavolta più che mai sarà il “derby d’Italia”. Perché, se è vero che la Juventus è la squadra più amata d’Italia, lo è anche il fatto che sia la più detestata. Risultato: dietro l’Inter, che domani sera ospiterà la Signora, non ci sarà solo il popolo nerazzurro ma pure coloro i quali godono al sol pensiero che i bianconeri non festeggino il settimo titolo consecutivo. Dopo di che, parola al campo. Con la Juve che inizia la volata finale con un punto di margine sul Napoli e l’Inter che deve recuperarne uno alla coppia Roma-Lazio per entrare in Champions. «I tifosi non ci hanno contestato, ma solo incoraggiato – così ieri Barzagli a Sky -. Contro il Napoli ci è mancato un po’ tutto, ma adesso siamo pronti». Ottimismo, per forza di cose. Da confermare sul campo, dove Dybala potrebbe anche non esserci dal primo minuto: panchina possibile per la Joya con Higuain al centro dell’attacco avendo ai fianchi Douglas Costa e Mandzukic. In difesa, senza Chiellini, si va invece verso la conferma del duo Benatia-Howedes. Contro cui Icardi cercherà di confermare la tradizione favorevole che lo vede spesso protagonista (7 reti e 2 assist in 11 presenze) quando incrocia il bianconero: Spalletti in mediana potrebbe scegliere la coppia Brozovic-Vecino al posto di Borja Valero mentre dietro Icardi, con Rafinha e Perisic, salgono le quotazioni di Candreva al posto del baby Karamoh. A proposito di Candreva (ex bianconero), è ancora a caccia del primo gol stagionale: chissà.

Domenico Latagliata

Articoli Correlati

Dybala, 25 candeline"La Champions? Possiamo farcela"

Intervistato dal Mirror il calciatore argentino ha parlato della avventura europea, con l'arma-Ronaldo in più. Intanto la juve è tornata ad allenarsi

Jack, rischio intervento Milan pronto sul mercato

Tutto congiura per l’operazione di Giacomo Bonaventura. Intervento delicato: cartilagine del ginocchio.La stagione sarebbe finita. Ipotesi sul mercato

Ronaldo e Giorginaa Londra tra tennis e teatro

CR/ ha approfittato dei giorni di riposo concessi da Massimiliano Allegri per una piccola vacanza con la famiglia a Londra: dove non ha badato a spese