«Gli inviti al matrimonio in Palestina sono un rito»

  • Cinema/Invito al matrimonio

ROMA È,  come recita il titolo, un “Wajib. Invito al matrimonio”  ma è anche un “dovere sociale“. Una tradizione attraverso cui raccontare la Palestina di oggi.  Lo fa Annemarie Jacir, nel suo film candidato all'Oscar per rappresentare la Palestina e da oggi in sala. A sorprenderci.

Perché “Invito al matrimonio”? 
Perché e` una tradizione ancora molto importante. Quando qualcuno si sposa, gli uomini della famiglia, solitamente il padre e i figli, devono consegnare personalmente gli inviti al matrimonio a ciascun invitato, senza intromettere estranei, a qualunque costo. È proprio una sorta di dovere.

Da dove parte il film? 
Dall'idea che potevo mettere un padre e un figlio (reali) per cinque giorni insieme durante questo rito e vedere che cosa accadeva: il padre è un tradizionalista mentre il figlio vive in Europa.

È anche un pretesto per esplorare il funzionamento di una comunità? 
Certo. La distribuzione degli inviti di nozze in Palestina, una terra occupata da 70 anni, è cruciale come reclamare un’identita.

Come mai ha scelto di ambientare la storia a  Nazareth? 
Perché Nazareth oggi è un ghetto. I palestinesi lì sono chiamati “invisibili”, hanno scelto di restare invece che vivere una vita di rifugiati e sono cittadini di seconda classe, privati di una parte dei loro diritti, costretti ad avere documenti d'identità israeliani. Ma sono una vera minaccia demografica per Israele e le tensioni aumentano.

SILVIA DI PAOLA