Municipi, i cittadini hanno votato i progetti

  • Milano

PALAZZO MARINO Verde, mobilità sostenibile e servizi: queste le scelte dei cittadini che hanno votato i 47 progetti finalisti del Bilancio Partecipativo di Milano. È stata un’edizione dai numeri importanti (l’assessore Lorenzo Lipparini ha parlato di una «partecipazione straordinaria»): 4,5 milioni a disposizione dei cittadini - 500 mila per ogni Municipio -, 300 proposte caricate sul sito nella prima fase, quasi 29 mila partecipanti, un’importante campagna social e di comunicazione per coinvolgere il maggior numero di cittadini, 100 eventi organizzati in tutte le zone della città per accogliere e raccontare i progetti, ascoltare i cittadini, informare e assistere nelle procedure di voto online e offline e co-progettare insieme ai tecnici del Comune di Milano le proposte arrivate alla fase finale. Il risultato della fase di voto appena conclusa sono circa 18mila votanti (di cui quasi mille in modalità cartacea) che dal 15 marzo al 15 aprile si sono collegati al sito, esprimendo fino a tre preferenze e decretando così i nove progetti che saranno subito realizzati. Altri tre progetti potranno invece essere ridefiniti per progettare interventi con il budget residuo.

I nove progetti vincitori
1) Servizi igienici autopulenti. 2) Via Padova, riqualificazione del tratto tra via Pontano e via Anacreonte. 3) Riqualificazione di piazza Gobetti. 4) Riqualificazione dei giardini scolastici delle diverse scuole di via Martinengo. 5) Gratosoglio, percorso verde ciclopedonale connesso a Rozzano e a piazza Abbiategrasso. 6) Riqualificazione di largo Balestra. 7) Connessione verde tra Parco delle Cave e Parco dei Fontanili. 8) Collegamento ciclabile Monumentale-M5 Cenisio-incrocio via Farini-via Valtellina. 9) Sistemazione delle aree abbandonate dei quartieri Bruzzano, Comasina, Affori e Bovisasca.

METRO

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»