Ebrei aggrediti a cintate nel centro di Berlino

  • Antisemitismo

Germania Due uomini di 21 e 24 anni, rispettivamente tedesco e israeliano, sono stati aggrediti a Berlino, dopo essere stati scherniti e insultati da tre assalitori. I due giovani che portavano una kippah (il copricapo usato dagli ebrei osservanti nei luoghi di culto e da quelli più religiosi anche nella vita quotidiana) sono stati aggrediti nel quartiere di Prenzlauer Berg a Berlino da tre giovani, uno dei quali parlava sicuramente arabo; una delle vittime, Adam, di 21 anni, ha filmato la scena e il video è stato diffuso online. Si sente un aggressore ripetere più volte «Yahudi», cioé ebreo in arabo. Un aggressore urla, poi colpisce ripetutamente le vittime con una cintura ed è infine spinto via da un uomo che era con lui. Il 21enne aggredito ha poi tentato di inseguire gli aggressori, ma ha desistito quando questi gli hanno lanciato contro una bottiglia di vetro. Adam ha denunciato l’indifferenza dei passanti. Secondo lui, il principale aggressore parlava «un dialetto siriano». «Spero che troveranno presto gli aggressori. La polizia si è mostrata molto attenta», ha detto. Uno dei due ha poi rivelato di non essere ebreo ma arabo, e di aver indossato la kippah proprio per dimostrare quanto siano comuni le aggressioni antisemite in Germania. 
La Merkel e le autorità tedesche hanno condannato l’accaduto con particolare fermezza. 

Articoli Correlati

I giorni della vergognasul caso Anna Frank

Diffuso un audio del presidente della Lazio Lotito che dice: «Andiamo a fare questa sceneggiata» in riferimento all'omaggio alla Sinagoga

Antisemiti allo stadioquindici identificati

Il presidente della Lazio, Lotito, annuncia davanti alla Sinagoga che porterà ogni anno 200 tifosi in visita ad Auschwitz

Adesivi laziali antisemitiLotito condanna e va in sinagoga

Domenica all'Olimpico diffusi adesivi con Anna Frank con la maglietta della Roma e altri spunti antisemiti