Tredicenne scopre il tesoro di re Bluetooth

  • Archeologia

Dalla scoperta col metal detector compiuta da un professore e un tredicenne sull'isola di Rugen, nel nord della Germania, è nata un’operazione archeologica che  ha portato alla luce un tesoro che si ritiene legato al re vichingo Aroldo I, meglio noto come Aroldo Dente Azzurro (Bluetooth: è da lui che prende il nome la tecnologia) che regnò tra il 958 e il 986 su quella che oggi è la Danimarca, sul nord della  Germania, sulla Svezia meridionale e su parte della Norvegia, convertendosi al cristianesimo. Tra collane intrecciate, perle, spille, anelli, monete, anche  un amuleto “martello di Thor”.

Articoli Correlati

Caccia a CleopatraL'archeologia che ci aspetta nel 2019

Dalla tomba di Alessandro ai segreti della Piramide, le scoperte possibili nei prossimi mesi

Il pane più anticoha 14.400 anni

Gli archeologi trovano in Giordania una piadina persino più vecchia della nascita dell'agricoltura

Vittima del Vesuvioritrovata a Pompei

I nuovi scavi archeologici rivelano uno scheletro interessante