Tredicenne scopre il tesoro di re Bluetooth

  • Archeologia

Dalla scoperta col metal detector compiuta da un professore e un tredicenne sull'isola di Rugen, nel nord della Germania, è nata un’operazione archeologica che  ha portato alla luce un tesoro che si ritiene legato al re vichingo Aroldo I, meglio noto come Aroldo Dente Azzurro (Bluetooth: è da lui che prende il nome la tecnologia) che regnò tra il 958 e il 986 su quella che oggi è la Danimarca, sul nord della  Germania, sulla Svezia meridionale e su parte della Norvegia, convertendosi al cristianesimo. Tra collane intrecciate, perle, spille, anelli, monete, anche  un amuleto “martello di Thor”.

Articoli Correlati

Casa, legni, mosaici:una Roma come Pompei

Eccezionale ritrovamento durante gli scavi della Linea C

Rubata borchia di bronzoda una mostra a Pompei

Il furto sarebbe avvenuto in pieno giorno durante i normali orari di apertura al pubblico

Aosta, anche l’Italia ha la sua Stonehenge

Aperta ad Aosta un’area di eccezionale valore scientifico e ricca di mistero che risale a seimila anni fa