Piazza San Carlo Chiuse le indagini

  • TORINO

TORINO L’inchiesta è chiusa. Quindici persone restano indagate per gli incidenti di piazza San Carlo del 3 giugno scorso. Nell’elenco rimangono alcuni nomi eccellenti, come la sindaca Chiara Appendino e l’ex questore Angelo Sanna. Andrebbe invece verso l’archiviazione il prefetto Renato Saccone insieme ad altre cinque persone.

«Mi è stato notificato dalla Procura di Torino l’atto con la chiusura delle indagini per piazza San Carlo - ha comunicato la sindaca -. Resto a disposizione della magistratura, come lo sono sempre stata». Altri avvisi di chiusura delle indagini sono stati inviati ieri mattina. Sono rimaste immutate le ipotesi di reato: sono tutti indagati in concorso per omicidio colposo, lesioni colpose e disastro doloso. Per delle cause mai accertate, davanti al maxischermo della finale di Champions League tra Real Madrid e Juventus, la folla in preda al panico cominciò a correre travolgendo tutto e tutti: più di 1.500 vennero curate negli ospedali cittadini, mentre una donna - Marisa Amato - è rimasta sulla sedia a rotelle e una giovane, Erika Pioletti, morì dopo alcuni giorni. Da subito emerse che la piazza era troppo colma di gente ed era priva delle più elementari misure di sicurezza: vie di fuga libere e divieti per la vendita di bottiglie di vetro. Elementi che aggravarono la situazione.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Olimpiadi, addiotra le polemiche

Scambio di accuse tra Pd e Movimento 5 Stelle

Olimpiadi, addiotra le polemiche

Scambio di accuse tra Pd e Movimento 5 Stelle

I biglietti Gtta portata di app

Il nuovo sistema operativo presentato dalla sindaca