Juve, l'ora dell'orgoglio Si ricomincia dalla Sampdoria

  • Calcio

CALCIO  Orgoglio. E rabbia. Questi gli stati d’animo della Juventus, espressi praticamente tramite social da tutti i bianconeri, convinti di avere subìto un torto grande così al Santiago Bernabeu. «Meravigliosi e commoventi», ha ribadito Allegri. «Da qui si riparte. A testa alta, anzi, altissima». Verità, certo.
Con un campionato ancora da vincere (domenica, alle 18, arriverà la Sampdoria allo Stadium) e una finale di Coppa Italia da giocare contro il Milan: non sarà triplete, ma fare doppietta non sarebbe male. Poi, certo, bisognerà in qualche maniera girare pagina: quasi certamente senza più Buffon e con il punto interrogativo su Massimiliano Allegri che rimane. Ci sarà tempo per parlarne e per capire. Prima, però, la campagna italiana da vincere: su entrambi i fronti.

Domenico Latagliata

Articoli Correlati

Mourinho da recordBuonuscita da 22 milioni

Oltre 19,6 milioni di sterline per il portoghese e suo staff dopo l'avvicendamento del 18 dicembre sulla panchina dello United

Ronaldo inossidabileguida l'assalto al Frosinone

Stasera alle 20.30 i ciociari faranno visita alla Juventus a Torino: Allegri non risparmierà CR7 in vista dell'Atletico Madrid

Zaniolo il predestinatoPallotta se lo coccola

La doppietta al porto è l'ultimo tassello iniziato con la maglia azzurra e l'esordio in Champions al Santiago Bernabeu. Ma il suo futuro sarà a Roma?