Noel Gallagher riempie il Fabrique

  • Milano/Musica

MILANO Big stranieri in gran spolvero nel mercoledì musicale. Tutto esaurito da tempo per il live di Noel Gallagher al Fabrique. L'ex Oasis, assieme agli High Flying Birds, porterà il suo ultimo cd “Who Built The Moon?”, uscito lo scorso novembre.

Un disco estroso, dal suono a tratti quasi sperimentale: «Lo definirei cosmic pop, però mantiene l'essenza del rock, nel senso che è libero nell’anima – spiega - Dovevo cambiare strada e il produttore David Holmes mi ha aiutato, impedendomi di scrivere cose troppo simili a Oasis e dintorni. All'inizio è stato frustrante, poi mi sono divertito. Ho scritto canzoni di gioia e speranza, cosa che oggi è rivoluzionaria».

In scaletta non dovrebbero mancare classici della vecchia band come “Don't Look Back In Anger” e “Wonderwall”. Noel tornerà il 23 giugno per gli “I-Days 2018” all'Area Expo Experience, preceduto il 21 dall'amato/odiato fratello Liam.

In alternativa, al Mediolanum Forum d'Assago, ci sarà Lana Del Rey, fascinosa e conturbante cantautrice americana, famosa per i toni languidi e le atmosfere rétro, come nell'ultimo cd “Lust For Life” (ore 21, da euro 46). Una band di culto del rock americano, gli Awolnation, saranno al Santeria Social Club con “Here Come The Runts”, mentre al Magnolia ritroveremo l'elettronica jazz di Shigeto

Italiano, ma con un grande amore per la musica sudamericana, è l'Iguazù Acoustic Trio, live al Blue Note, ospite Paola Folli.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Paolo Conteper l’AIRC e Jazzmi

L’avvocato astigiano sarà agli Arcimboldi per due live di cui uno per la ricerca contro il cancro

Samba-trap firmatoda Achille Lauro

Il rapper con il suo produttore Boss Doms presentano stasera all’Alcatraz “La morte del cigno”

L’Ensemble of Chicago apre Jazzmi 2018

Per l’edizione 2018 concerto al Teatro dell’Arte, quartier generale del festival