I reati sono in calo ma non quelli violenti

  • TORINO

CITTA' Calano i delitti, ma aumentano i tentati omicidi e gli omicidi. Sono i dati forniti ieri dalla Questura di Torino in occasione della festa della polizia. A Torino e nella sua provincia tra il 1° marzo 2017 e il 28 febbraio 2018 sono stati commessi 124.215 delitti. Si tratta soprattutto di reati contro il patrimonio (80%), cioè furti, rapine, truffe ed estorsioni, mentre i reati contro la persona (omicidi, lesioni, percosse e altro) sono soltanto il 5,90% del totale e gli "altri delitti" il 13,59%. Gli omicidi passano da otto a nove, mentre i tentati omicidi aumentano da 31 a 43. Crescono le violenze sessuali, da 158 a 199. Diminuiscono invece le percosse, le minacce e lo sfruttamento della prostituzione, ma anche lo stalking e i maltrattamenti in famiglia. Aumentano lievemente le rapine e molto di più le truffe, ma calano i urti, le estorsioni e le ricettazioni. «L’andamento della delittuosità è in calo ma la paura dei cittadini non diminuisce - ha dichiarato ieri il questore Francesco Messina -. Bisogna incidere sulla percezione della sicurezza e aumentare la prevenzione e la repressione dei reati di strada, soprattutto nelle zone più complesse, dove sono molto diffusi scippi e rapine ai passanti». Con Messina la presenza delle volanti è aumentata: «Se a questa attività si accompagna una riqualificazione del territorio, credo si possa incidere in maniera ancora più efficace».

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti