«Suonare per me è vivere»

  • Roma/Musica

ROMA È Angelo Branduardi il protagonista del concerto in programma giovedì alle 21 al Parco della Musica. 

Fa musica da tanti anni: come è cambiato nel tempo il suo approccio alla musica?
Non è cambiato di un centimetro. Ho sempre pensato che la musica, essendo la più astratta delle arti, fosse anche la più spirituale, quella più vicina allo Spirito, a Dio. La musica è sempre stata per me un modo di vedere al di là della porta chiusa: vedere la realtà che nessuno vede, ma che gli artisti riescono a descrivere passando dall’altra parte, nell’altro mondo. L’ho sempre pensata così e oggi ancora di più.

Cosa significa per lei suonare? 
Suonare è la mia vita. Ho cominciato a 5 anni. Suonare per me significa stare bene, essere in perfetta forma e salute.

Come è cambiata la scena musicale del nostro paese dagli anni '70/'80 a oggi? 
È cambiata molto soprattutto per l’apporto dei nuovi media e le nuove possibilità che esistono. Però penso sia cambiata in peggio. E non parlo di valore, anche se effettivamente c’è stato un “buco”, una generazione che non ha prodotto nulla... Adesso  vedo una nuova generazione che comincia a distinguersi e per fortuna fa cosa belle.

I talent musicali rappresentano la situazione musicale italiana? 
Può darsi. Possono anche rispecchiare la musica italiana, anche se si sente cantare molto materiale straniero, in inglese, e non vedo perché… Parlerei piuttosto di cosa è il talent. È un modo per farsi vedere, anche se oggi quando vinci e hai raggiunto la vetta dell’Everest in realtà non hai fatto niente, perché dopo sei mesi arriva il nuovo campione e tu vai nel cassetto.

Quanto è importante la dimensione live? 
È la Verità. So di stare bene e mi sento in perfetta salute sul palco, mi diverto e l’emozione che ricevo e che do, in questa specie di cerchio magico che si crea, è l’essenza della musica e quindi l’essenza dell’Umanità. Perché la storia della musica è la storia dell’umanità.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Ghali in concertotra musica e teatro

Domani sarà sul palco del Palalottomatica

Buongiorno Italia, arriva il trap di Jesto

Stasera salirà sul palco dell’Orion di Ciampino

L'opera di Bernstein apre Nuova Consonanza

“Trouble in Tahiti” inaugura domenica alle 19 la 55esima edizione del festival al Palladium