Anche i giapponesi nella “partita” Embraco

  • TORINO

LAVORO E'spuntata una nuova società interessata al piano di reindustrializzazione del sito di Riva di Chieri. Lo hanno riferito i sindacati al termine del tavolo su Embraco al ministero dello Sviluppo economico. Son quindi 3 i gruppi che potrebbero presentare un'offerta: una società israeliana con fondi cinesi che produce robot per la pulizia di impianti fotovoltaici, una società piemontese che si occupa di rigenerazione di elettrodomestici e una multinazionale giapponese che ha già stabilimenti in Italia. Al tavolo il ministro Carlo Calenda non ha voluto fare i nomi dei gruppi interessati al sito piemontese. Un prossimo incontro è stato fissato per il 23 alle 15; poi si terranno tavoli cadenzati ogni 10 giorni.

Il ministro Calenda ha tenuto a sottolineare che la selezione tra le società candidate sarà svolta «attentamente» perché «è una scelta irreversibile e va fatta con tutti i parametri necessari». Il ministro ha quindi dichiarato che il Fondo per le delocalizzazione è stato varato dal Cile ed è alla Corte dei Conti. Invitalia - ha fatto notare - ha quindi gli strumenti per agire se non ci dovesse essere una reindustrializzazione in continuità entro la fine dell'anno.

AGI

Articoli Correlati

Minacce e sputi al disabile in tram

Insultato perché marocchino

Esplosione in casaUccisa dal rogo

Borgo Vittoria, l’appartamento era saturo di gas. La vittima aveva 100 anni

Samira, trovate ossanel giardino del marito

Svolta sul caso della donna scomparsa 17 anni fa. Gli inquirenti invitano alla cautela