L'Alfa Romeo in mostra Trionfo di grinta e tradizione

  • Auto

AUTO Il Nurburgring è da sempre uno dei tracciati che meglio esprime l’essenza delle corse. Tra le mille pieghe di quello che è stato ribattezzato “Inferno Verde”, l’Alfa Romeo ha scritto alcune delle pagine più leggendarie della sua storia. Proprio per celebrare questa tradizione, al Museo Storico Alfa Romeo di Arese (MI) è stata allestita la mostra “Nurburgring Records”, fino al 2 di maggio.

Per l’occasione sono esposte le vetture più recenti che hanno ottenuto i migliori risultati nelle rispettive categorie, a partire dal Suv Stelvio che nel settembre dell’anno scorso ha conquistato il titolo di “sport utility” più veloce del mondo stabilendo il nuovo record di categoria: 7 minuti, 51 secondi e 7 decimi, tempo con cui ha chiuso il percorso di oltre 20 km. A cui si aggiunge poi la Giulia Quadrifoglio con cambio automatico a 8 rapporti che ha sfrecciato sul Nurburgring in 7'32", tempo in evidenza sul cofano, insieme alla sagoma del circuito e alle firme del pilota e dello staff che ha messo a punto l’auto.

Chiude l’esposizione la 4C nella versione sperimentale che ha segnato il tempo di 8’04” nel 2013, un tempo da primato tra le vetture con potenze inferiori ai 250 cv. 

CORRADO CANALI

Articoli Correlati

Toyota, la novitàsi chiama Proace Verso

La nuovo Proace riproposta nel “model year 2018” è equipaggiata con un'inedita motorizzazione diesel sovralimentata di 1.500 cc da 120 CV

Care by Volvoun successo annunciato

Alla Volvo si studia il successo del programma di abbonamento offerto per la prima volta l’anno scorso per il crossover compatto XC40

Citroen, per i cento annitorna la due cavalli

Sarà nelle intenzioni la base di un modello altrettanto economico ed elettrico che mostrerà un "nuovo sistema di mobilità"